26092017Headline:

I sindacati: “Ecco cosa fare per il lavoro”

I segretari di Uil, Cgil e Cisl

I segretari di Uil, Cgil e Cisl

Rilanciare il lavoro è non solo possibile ma doveroso. Basta volerlo. I sindacati non lasciano scampo ai politici: loro è la responsabilità di creare le condizioni affinché gli imprenditori tornino a investire, creando così lavoro.  I dati Istat per la provincia di Viterbo sono drammatici, peggiori della media nazionale: il 40-41 per cento dei giovani tra i 15 e i 24 anni non hanno lavoro (contro il 37 per cento italiano) così come il 13 per cento degli adulti (nello Stivale siamo al 12). Ecco allora cosa propongono i segretari di Cgil, Cisl e Uil al Governo e alla Regione che saranno usciranno dalle urne il 24 e il 25 febbraio, nonché al futuro sindaco di Viterbo il quale verrà scelto a maggio. Le parole chiave sono: abbassamento del costo del lavoro e delle tasse, completamento della Trasversale, recupero dei progetti termali, progettazione europea.

Qui Cgil. Il segretario Miranda Perinelli richiama il piano del lavoro presentato dal suo sindacato a livello nazionale e che verrà cucito addosso alla realtà del Viterbese per essere riproposto agli amministratori locali. “Governo, Regione e Comuni – afferma – hanno responsabilità precise di fronte a tali numeri perché loro detengono il potere per cambiare le politiche del lavoro e diminuire la disoccupazione”. Innanzitutto, per Perinelli il nuovo Governo dovrà allentare il patto di stabilità e pagare i debiti alle aziende. “I primi soggetti che non rispettano la legge – dice – sono il Governo e a caduta Regione e Comuni perché non saldano i lavori di cui hanno usufruito”. Nella Tuscia, ad esempio, molte aziende che hanno in appalto il servizio dei rifiuti solidi urbani e il trasporto pubblico locale non vengono pagate dai committenti (la Regione che dovrebbe girare i soldi ai Comuni). “Chi ci rimette sono i lavoratori che restano – denuncia – anche per mesi senza stipendio e solo per senso di responsabilità proseguono l’attività”. Per la Cgil, poi, il Governo deve favorire l’accesso al credito da parte delle ditte più piccole e puntare sui finanziamenti europei. “La progettazione – continua – sarà fondamentale per accedere ai fondi Ue. Per creare opportunità per i giovani e i cinquantenni espulsi dal lavoro”. A Regione e Comune, la Cgil chiede investimenti sulla viabilità, l’agricoltura e il turismo. “Purtroppo – conclude – sono le stesse cose che ci ripetiamo da anni perché nessuno le ha realizzate”.

Qui Cisl. “Basta promesse da campagna elettorale, vogliamo i fatti”. Il segretario Rosita Pelecca chiede ai candidati di “parlare dei problemi veri della gente e delle proposte per risolverli”. Ecco il decalogo cislino del buon Governo: “Va subito predisposta – dice – una seria terapia d’urto contro la disoccupazione, una seria legge di contrasto all’evasione e all’elusione fiscale in modo da abbassare le tasse sul lavoro. Al contempo, ci aspettiamo delle riforme che diminuiscano i costi della politica contestualmente a una nuova legge elettorale”.  Alla Regione la Cisl chiede un serio riordino della rete ospedaliera capace di offrire servizi socio-sanitari adeguati alla domanda di salute dei viterbesi. “Non rinviabile – continua Pelecca – è la diminuzione delle addizionali sui lavoratori e pensionati, ora le più alte d’Italia,  e la ricerca delle risorse per completare la Trasversale, anche coinvolgendo i privati”. La Cisl ha le idee chiare pure su cosa dovrebbe fare il successore di Marini (se poi sia Marini stesso, si saprà a maggio): “Occorre puntare sul turismo, valorizzando le vere vocazioni cittadine. Dopo circa trenta anni – aggiunge il segretario – vanno recuperate le ex terme Inps, aprendo subito una conferenza di servizio e partendo con progetti fattivi”.

Qui Uil. “La prima mossa che mi aspetto dal futuro esecutivo nazionale è l’abbattimento del costo del lavoro, dando più soldi in busta paga ai dipendenti e stabilendo agevolazioni per le imprese che assumono in modo da invogliarle a dare occupazione”. Giancarlo Turchetti, segretario del sindacato di Corso Italia, sostiene che queste misure consentirebbero di far ripartire i consumi interni, che rappresentano la principale fetta del prodotto interno lordo. “In Germania il percorso è stato avviato anni fa – dice – e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: è il Paese più solido dell’Unione europea”. Anche la Regione può fare molto, abbassando l’Irap e le addizionali. “Inoltre – continua – è fondamentale sbloccare i pagamenti nei confronti degli imprenditori della sanità privata e di tutte le ditte che hanno vinto appalti pubblici”. E ripartire dalle opere immediatamente cantierabili, compito questo che il prossimo sindaco di Viterbo per la Uil dovrà portare avanti senza remore. “La Trasversale va finita – attacca Turchetti – e i soldi se c’è la volontà politica si possono trovare”. Ma il futuro di Viterbo sta nel turismo e nel termalismo. “Assurdo che a Chianciano e Fiuggi con una pozza d’acqua si sia creato un impero e a Viterbo, che vanta quantitativi immensi della risorsa – conclude – non ci siano investimenti. Gli imprenditori devono avere l’appoggio degli amministratori locali”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da