17102017Headline:

L’archeologia? Se è di cartapesta è più bella

merloFinalmente, finalmente, è stata annunciata la svolta per il Turismo della Tuscia viterbese. Finalmente, finalmente, benedetta dalle amministrazioni comunali di Montalto di Castro e di Tarquinia, sta per sorgere un’opera fantasmagorica su una superficie di 110 ettari, con un investimento per milioni di euro (al momento non quantificabili, ma comunque non lontani da qualche decina). Finalmente, finalmente, a pochi chilometri dalla Capitale, lungo la costa tirrenica, sorgerà la fedele riproduzione della Roma imperiale, ricostruita nei minimi dettagli. Finalmente, finalmente, i templi, le basiliche, i palazzi, ma anche il Colosso, il Circo Massimo, il Campidoglio, il Foro di Traiano saranno riproposti con dimensioni pari al 70 per cento degli originali.

Finalmente, finalmente, se Parigi ha Disneyland, la Tuscia viterbese avrà presto “Roma Vetus”, parco tematico di divertimento, dove il “pubblico interessato potrà ampliare le sue conoscenze”. Finalmente, finalmente, a Montalto di Castro sognano a occhi aperti, in quanto “questa opera valorizza in termini di sviluppo l’intero comparto legato al turismo”. Finalmente, finalmente, anche Tarquinia è stata coinvolta nello straordinario progetto che coniuga cultura e divertimento e che rappresenta un volano straordinario in termini economici e occupazionali, tal che i posti di lavoro sono valutabili di decine, anzi centinaia, anzi migliaia di migliaia di addetti.

E il motivo è presto detto: nell’area di “Roma Vetus”, saranno riproposti, non su 110 ma 330 ettari, le vestigia antiche delle due città, al 100 per cento delle loro dimensioni reali. Finalmente, finalmente, i complessi monumentali delle tombe di dipinte di Tarquinia (dichiarate patrimonio dell’Umanità dall’Unesco) e il parco archeologico di Vulci potranno essere rasi al suolo, magari per tirare su, essendo ameni luoghi, qualche lottizzazione residenziale. Finalmente, finalmente, il virtuale trionfa sul reale e, wow, la cartapesta ha la meglio sul macco e sul tufo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da