15122017Headline:

L’incarico di Governo? A Beppe Grillo

Sarebbe giusto, a questo punto, che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano conferisse proprio a Beppe Grillo il mandato di formare il nuovo Governo.  Per un motivo semplicissimo: al di là dei numeri, è lui il vincitore morale di queste elezioni ed è il programma che lui propone quello che gli italiani vogliono.

Beppe Grillo

Beppe Grillo

Una provocazione? Sì, ma fino a un certo punto, anche perché tutte le altre alternative in campo – se si esclude quella di tornare al voto, ma non si capisce bene a questo punto con quale esito – hanno il sapore del pastrocchio finalizzato al tirare a campare, ancora prima che siano formulate.E allora, con Beppe Grillo presidente del Consiglio (attenzione: lui, proprio lui; non uno dei suoi grillini) avremo subito una nuova legge elettorale, l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, il dimezzamento dei parlamentari, il dimagrimento dei loro stipendi, unito a quello dei top manager di Stato, uno stop allo strapotere delle banche, l’abolizione dell’Imu, secondo i dettami berlusconiani e, per finire, anche un bel referendum sull’euro. E allora, dal momento che su questo programma anche Grillo dovrebbe andarsi a cercare una maggioranza in Parlamento (perché comunque non ce l’ha), sarebbe oltremodo intrigante andare a vedere quali altre forze politiche aderirebbero e quali altre si metterebbero di traverso. Così come hanno fatto fino a ieri.

Scherzi a parte, queste elezioni hanno decretato che l’Italia non è più spaccata in due, ma in quattro. Gli irriducibili di Berlusconi (un buon 20 per cento); che non vogliono comunque sentir parlare di comunisti; i nuovi fans di Grillo (che sono un quarto dei votanti), desiderosi di condannare senza appello la vecchia classe politica in toto; i sinistrorsi del Pd (un altro quarto, o giù di lì), ancora incapaci di uscire dal guado per costruire un partito veramente riformista; e infine gli adepti del professore bocconiano (solo il 10 per cento), che sembra aver fallito la sua missione. Non pervenuti i comunisti veri (da Sel a Rivoluzione civile), che hanno raccolto le briciole.

Ora, ognuno può dare l’interpretazione che vuole a questa consultazione elettorale. Che però, a mio avviso, è vissuta su due cardini principali. Il primo: gli italiani chiedono una nuova classe dirigente e non vogliono più vedere in Parlamento coloro che hanno governato negli ultimi lustri (e a Matteo Renzi fischieranno di sicuro le orecchie). Il secondo: soldi e lavoro sono i nervi scoperti del popolo. Quindi basta sprechi, meno tasse e possibilità di poter raggranellare uno stipendio alla fine del mese.

La ricetta per uscire dall’impasse è questa. Per questo la provocazione Beppe Grillo presidente del Consiglio sarebbe a questo punto opportuna. Se poi l’ex comico genovese a palazzo Chigi ci farà ridere o piangere lo scopriremo solo vivendo. Ma tant’è, ormai ne abbiamo viste tante…

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da