24112017Headline:

Marini e i parchimetri a sua insaputa

Giulio Marini

Giulio Marini

Il parchimetro dove lo metto? Anzi, lo metto? Sì, ma a mia insaputa. Ecco come il Sacrario manda in tilt il Comune. Sulla vertenza della Autoservice la giunta Marini non sa più che pesci prendere. Licenziati i 9 ex soci della cooperativa internalizzati da Francigena nel 2009, ora il parcheggio più grande del centro di Viterbo è in balia dell’improvvisazione. Scoppiato il caso, il sindaco Giulio Marini si era affrettato a convocare la stampa per spiegare che il licenziamento era un atto dovuto a seguito del pronunciamento della Corte d’Appello.

In quell’occasione, era il primo febbraio, nella sala consigliare del Comune aveva fatto capolino l’assessore Paolo Muroni. Per dire cosa? Che entro pochi giorni avrebbe ultimato i lavori per installare tre parcometri. Assicurando che le sbarre sarebbero state alzate, tutto sarebbe stato automatizzato e per ch ha l’abbonamento nulla sarebbe cambiato. Il sindaco era presente e vigile. Tanto da negare che l’operazione avrebbe reso superflua la manodopera. “Ma no, anzi. Teniamo il posto caldo ai lavoratori, qualora dovessimo reintegrarli”, aveva risposto Marini.

Eppure in consiglio comunale giovedì il sindaco ha negato di sapere. Cosa? Che Francigena, in ritardo rispetto ai tempi esplicitati a fine gennaio in conferenza stampa, aveva affisso i cartelli in cui si preannunciava la prossima installazione dei parchimetri. “Non si può fare – aveva tuonato il vicecapogruppo del Pd, Alvaro Ricci – perché il Sacrario è un’area di sosta di struttura, in cui il personale è previsto”. La risposta del sindaco? “Non ne so nulla: devo informarmi”, replica Marini. Ma Ricci porta le prove: una foto sul cellulare per immortalare gli avvisi. Pochi minuti e il primo cittadino è costretto alla retromarcia: “Ho chiesto di toglierli”. In ogni caso, erano stati messi a sua insaputa. Ai politici italiani capita spesso.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da