25112017Headline:

Coldiretti: “Cibi sicuri se acquistati a km zero”

Gabriel Battistelli

Gabriel Battistelli

Prima venne la carne equina spacciata per bovina e finita nei tortellini. Poi i batteri nelle torte di cioccolato servite all’Ikea. Infine, un episodio made in Tuscia: gli oltre 750 chili di prodotti ortofrutticoli sequestrati a Tarquinia due giorni fa. Frutta e verdura mal conservate, addirittura in grado di nuocere alla salute. E allora, con quale spirito si riempie il carrello della spesa? Di quali alimenti ci si può fidare? La Coldiretti detta il decalogo del cibo sicuro, quello col bollino Campagna amica e quello acquistato dal produttore. Insomma, meno si viaggia per mangiare, più si mangia sicuro.

“La prima regola è accertarsi che l’origine dei prodotti sia italiana, meglio se locale”, dichiara Manuel Battistelli, direttore dell’associazione di categoria. “Bisogna rivolgersi – prosegue – ad aziende di cui ci si fida e accorciare per quanto possibile la filiera”. Salvarsi dalle frodi alimentari è più che possibile, insomma, basta andare dal produttore. “A Tarquinia e in tutto il Viterbese – spiega Battistelli – contiamo 150 aziende accreditate da Campagna amica della Coldiretti. Si tratta di realtà che vengono controllate quotidianamente per garantire la qualità dei prodotti e la trasparenza delle etichettature”.

Episodi come quello avvenuto sulla cittadina del litorale viterbese per il rappresentante dell’associazione rappresentano l’occasione per ribadire la necessità che l’etichettatura obbligatoria sia introdotta per tutti gli alimenti, garantendo la piena tracciabilità dei cibi. “Non per tutti esiste l’obbligo – afferma – e in alcuni casi, seppur vigente, le etichette non sono chiare né immediatamente leggibili”. Inoltre, il blitz dei finanzieri a Tarquinia per Battistelli conferma quanto sia puntuali i controlli in Italia “che rappresenta – sostiene – una delle nazioni più avanzate nella lotta alle frodi alimentari”.

Per concludere, le pratiche del mangiare sicuro sono: acquistare i cibi dai produttori, meglio se certificati Campagna amica, e approfittare dei mercati che la Coldiretti organizza il sabato sulla Teverina a Viterbo e durante la settimana in altri comuni della provincia. Le informazioni complete sono disponibili sul sito www.campagnamica.it.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da