22112017Headline:

Credito, c’è anche chi pensa al territorio

Massimo Caporossi, direttore generale della Banca di Viterbo

Massimo Caporossi, direttore generale della Banca di Viterbo

Qualcosa si muove. Per esempio, 10 milioni di euro che la Banca di Viterbo ha deciso di investire nel settore dell’edilizia abitativa della Tuscia. Per essere più chiari, l’istituto doc di credito viterbese mette a disposizione tale somma per accedere al mutuo prima casa. Una iniziativa in contrortendenza rispetto a quanto avviene (anzi, a quanto non avviene) a livello nazionale. Si tratta di finanziamenti (al 70% del valore dell’immobile) a tasso fisso/variabile con parametro Euribor e/o Bce da destinare a famiglie, giovani coppie, single che nell’arco di 25 anni, 30 per i soci, intendono acquistare una casa.
«Per la nostra banca – spiega il direttore generale, Massimo Caporossi – è un’autentica sfida, una provocazione al sistema, che abbiamo messo in campo con l’obiettivo di dare un valore sociale al risparmio». In tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, sottolinea Caporossi in conferenza stampa, è fondamentale fare rete. Come dire, è necessario unire tutte le forze disponibili per uscire dal tunnel della crisi. I soldi ci sono. «E noi intendiamo utilizzarli al meglio», puntualizza il presidente, Luigi Manganiello. In effetti, la Banca di Viterbo, è una delle pochissime a poter vantare buoni numeri. «Il bilancio è positivo», conferma Manganiello che tuttavia non offre cifre definitive, se non quelle relative agli impieghi (+2,1%) e alla raccolta (+6%).
C’è un altro dato certo, inconfutabile: l’istituto di credito viterbese è il solo, tra quelli che operano nella Tuscia, a reimpiegare sul territorio quasi l’intero ammontare dei soldi in entrata. Circa il 97%. A differenza degli altri grandi gruppi creditizi che «esportano» i proventi locali. Della serie, per il popolo della Tuscia piccolo è ancora bello anche se la Banca di Viterbo non è più quella microrealtà, nata più di un secolo addietro. Oggi conta 2.300 soci ed è anche capace di iniziative anticrisi che possono fare da volano ad analoghe manovre nazionali di più ampio respiro. Chissà che Viterbo, una volta tanto, non riesca ad essere prima in una classifica di merito.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da