16122017Headline:

La Cna incontra i consiglieri regionali

Luigia Melaragni

Luigia Melaragni

Alla vigilia della prima seduta della nuova legislatura regionale, la Cna incontra i consiglieri che rappresenteranno la Tuscia: Silvia Blasi (M5S), Enrico Panunzi (Pd), Daniele Sabatini (Pdl) e Riccardo Valentini (Lista Civica Zingaretti). E lo fa, non a caso, a Civita Castellana, centro che non riesce a rialzarsi dalla crisi che lo ha piegato. Oggi, alle 17,30, nell’aula consiliare del Comune, presente il sindaco Gianluca Angelelli, la segretaria della Cna di Viterbo e Civitavecchia Luigia Melaragni, insieme con il presidente della sede territoriale Giovan Battista Chiodetti, ricorderà ai neoeletti le dieci idee “per una Regione amica delle imprese” presentate dall’associazione nel corso della campagna elettorale e chiederà un impegno non solo a sostenere le priorità indicate dagli imprenditori, ma a stabilire un dialogo permanente con il mondo produttivo.

“Dobbiamo fissare le modalità per un confronto costante, nel prossimo quinquennio, tra gli eletti e le imprese, perché c’è un lavoro enorme da fare: dopo tre anni di vuoto politico e amministrativo, bisogna ricostruire -sottolinea Melaragni- il modello di sviluppo dei nostri territori. C’è bisogno di promuovere una politica economica a medio – lungo termine per un progetto di cambiamento”.

Intanto, serve rapidità d’azione per interventi concreti da attuare subito. “Per consentire al tessuto economico di iniziare a recuperare competitività, la Regione deve adottare misure urgenti sul versante del credito, rafforzando il sistema dei Confidi, impegnarsi per il rispetto dei tempi di pagamento e individuare le procedure per smaltire i debiti pregressi, perché la mancanza di liquidità sta uccidendo le imprese -prosegue la segretaria della Cna-. Così come deve essere alleggerita la burocrazia, anche con una legge quadro in materia di semplificazione”.

Sarà importante conoscere il punto di vista di Blasi, Panunzi, Sabatini e Valentini su questi punti e sulle altre idee per il Lazio targate Cna. Come il rilancio dell’edilizia orientato alla ristrutturazione del patrimonio immobiliare esistente, alla riqualificazione energetica e dei sistemi urbani; il consolidamento del sistema produttivo attraverso il sostegno all’innovazione, superando l’approccio distrettuale, e alla green economy; lo stop, per almeno tre anni, all’autorizzazione di nuovi centri commerciali.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da