21092017Headline:

Pd, Bianchi assessore e fu subito bufera

Pierluigi Bianchi

Pierluigi Bianchi

E sul Pd viterbese fu subito bufera. A distanza di meno di 24 ore dalla vittoria di Nicola Zingaretti alla Regione e dalla straordinaria performance del partito nella Tuscia, ecco che cominciano subito i mal di pancia, soprattutto tra gli iscritti, per la ventilata nomina di Pierluigi Bianchi, ex sindaco di Faleria, ad assessore esterno. Un’ipotesi che ha fatto storcere il naso, in primis, a Enrico Panunzi, il quale avrebbe confidato a qualche suo amico che lui in queste elezioni ci ha messo la faccia, ottenendo oltre 14 mila preferenze; ma anche a tanti iscritti del distretto civitonico. Un mal di pancia confermato, anche se non in maniera palese, dal consigliere provinciale Alessandro Angelelli, fratello del sindaco di Civita Castellana Gianluca. “Premesso che non ho nulla contro Bianchi – dice al telefono – vorrei però capire come sia nata quest’ipotesi. Gli assessori li sceglie Zingaretti? Bene. Ma non credo che Zingaretti conosca Bianchi. Qualcuno glielo deve aver suggerito. E allora vorrei chiedere al suggeritore in base a quali criteri è stato scelto e chi è stato consultato per avvalorare quest’ipotesi. A me non ha chiesto nulla nessuno. A mio fratello, che fa il sindaco, nemmeno. E allora?”.

Ma a Civita Castellana sono in diversi ad alzare la voce. “Non abbiamo partecipato ad alcuna riunione – dice il segretario locale del Pd Raniero Brunelli – nè a livello provinciale, né tanto meno a livello locale, in cui si è affrontato l’argomento assessori regionali, che peraltro non è di nostra competenza. Chiaramente, per la grave situazione di crisi che sta attraversando il nostro territorio, saremmo ben lieti qualora la scelta potesse ricadere su un politico attento alle problematiche del nostro distretto industriale”.

Chi prova a gettare acqua sul fuoco è il sindaco civitonico Gianluca Angelelli: “Leggo su alcuni giornali che alcuni amministratori, tra i quali quelli di Civita, sarebbero contrari alla nomina di Pierluigi Bianchi ad assessore regionale, minacciando azioni drammatiche contro tale nomina. La notizia, per quello che riguarda la mia amministrazione, è falsa. La competenza a nominare gli assessori regionali è del presidente, quindi di Nicola Zingaretti, al quale va la completa mia fiducia. Non entro in nessun giochetto di spartizione posti, non tiro la corda da nessuna parte. Peraltro, conoscendo Zingaretti, sono certo che sceglierà al meglio”.

Insomma, la situazione è ingarbugliata. E allora, per saperne di più, non c’è che da affidarsi alle gole profonde, con tutti i rischi che la cosa comporta. Gole profonde che riferiscono di una bocciatura da parte degli industriali civitonici, ma anche della concretizzazione del famoso patto dei broccoletti (così fu chiamato su questo sito alcuni giorni or sono) siglato tra Fioroni e Sposetti. Un patto che – stando ai boatos – prevedeva la sistemazione in Parlamento del delfino sposettiano Alessandro Mazzoli in cambio della piena libertà d’azione da parte di Fioroni sia sulla Regione che su palazzo dei Priori.

Un’ipotesi suggestiva, non c’è dubbio. Ma voi pensate proprio che Fioroni e Sposetti possano aver fatto un accordo del genere?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da