20102017Headline:

Perinelli: “Ci tolgono pure le ambulanze”

Miranda Perinelli

Miranda Perinelli

Se il piano venisse attuato, i viterbesi dovrebbero rassegnarsi ad avere malori solo in determinate ore del giorno e in alcune aree della provincia. Altrimenti, rischierebbero la vita in attesa di un’ambulanza che non c’è perché dovrebbe arrivare da troppo lontano o perché le troverebbero tutte (le poche rimaste) occupate. Destino baro quello per i futuri ammalati della Tuscia: l’Ares 118 ha intenzione di tagliare il servizio di pronto intervento. Il progetto, che dovrebbe partire il 1° aprile, prevede la sostituzione della Cri (che attualmente gestisce le prestazioni in alcune zone della provincia) con dei privati. Il che comporterebbe un aumento dei costi, pertanto le ambulanze sarebbero tagliate.

A lanciare l’allarme è il segretario della Cgil Miranda Perinelli che però chiede lumi ad Antonio De Santis, commissario straordinario della Asl nonché direttore dell’Ares 118. “Stando alle frammentarie informazioni che con difficoltà sono riuscita a ricevere – spiega la sindacalista – saremmo di fronte all’ennesimo attacco al sistema sanitario locale: dopo gli ospedali, se ora ci tolgono pure le ambulanze sul territorio significherebbe che quegli interventi immediati indispensabili per salvare le vite arriverebbero a singhiozzo, mettendo a repentaglio la vita dei viterbesi”. Le conseguenze? Via il presidio di Civitella d’Agliano che copre il bacino della Teverina e a Viterbo addio h24 per passare a una copertura di sole 12 ore giornaliere. E’ per questo che la responsabile cigiellina chiede un immediato incontro con De Santis nonché la mobilitazione di tutti i sindaci dei comuni interessati (ovvero Civitella, Castiglione in Teverina, Bagnoregio, Celleno, Graffignano).

Il servizio era stato affidato in parte alla Cri a luglio dello scorso anno. Ma i problemi ci sono stati da subito: la Regione ha sempre pagato a singhiozzo le prestazioni, così che persino gli stipendi degli infermieri – assunti prima tramite agenzia interinale, poi con la cooperativa Medical Service – hanno accumulato mesi di arretrati. Dal 1 aprile col taglio dei servizi, le ambulanze rimanenti sarebbero costrette a maratone estenuanti per coprire tutto il territorio provinciale col rischio di arrivare troppo tardi. Il caso emblematico è rappresentato dalla parte nord della Tuscia.

Nell’Alto Viterbese gli ospedali di Montefiascone (qui la postazione Ares 118 lo scorso anno ha effettuato 3.608 interventi) e Acquapendente sono stati declassati da Renata Polverini, perdendo tra i tanti servizi pure i pronti soccorso. “Ma già oggi – continua il segretario – è difficile arrivare ovunque, visto pure che Belcolle è intasata e spesso i mezzi sono in fila fuori dal pronto soccorso finché il paziente non è preso in carica. Diminuirli ancora sarebbe un atto scellerato”. Si perderebbero, inevitabilmente, anche i posti di lavoro. “Parliamo – spiega Perinelli – di sette unità a Civitella e tre a Viterbo. Tutti licenziati a discapito di un servizio che è indispensabile per cercare perlomeno di sopperire alla chiusura dei pronti soccorso sul territorio. Sarebbe un’emergenza sanitaria”.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da