26092017Headline:

Ugo e Denis, l’inciucio davanti a due caffè

Verdini e Sposetti (di spalle) al bar

Verdini e Sposetti (di spalle) al bar

Il tesoriere dei Ds Ugo Sposetti e il coordinatore del Pdl Denis Verdini seduti insieme a un bar in Galleria Alberto Sordi, a due passi da Montecitorio. Foto che hanno fatto il giro del mondo (vabbe’, non allarghiamoci: sono arrivate fino a Pordenone) e che hanno sollevato una serie di ipotesi e di illazioni circa il contenuto di quel caffè. Appurato che non c’era cianuro (caffè alla Sindona), né tantomeno arsenico (caffè alla viterbese), soltanto Viterbopost.it è in grado di proporvi, in esclusiva, il dialogo tra i due politici in questo momento delicato per il nostro paese.

Sposetti: “E allora Denis hai visto come siamo messi?”

Verdini: “Ho visto sì. Codesto Pd sta messo peggio di Cipro, ovvìa”.

S: “Se lo dici tu, che di banche te ne intendi…”

V: “Senti chi parla: ‘Abbiamo una banca’ mica l’ho detto io, è stato quel bischero del tu’ amico Fassino…”

S: “Vabbe’, non cominciamo a litigare sulle solite cose, qui c’è un Governo da far nascere”.

V: “E che ti sei messo pure a fare la levatrice?”

S: “Ci serve una mano, un aiutino, come ai pacchi di Max Giusti…”

V: “Un aiutino? Andatelo a chiedere a quel grullo di Grillo”.

S: “Ma che sei gojo? Quello è il peggio. Non hai sentito il suo programma? Per prima cosa vuole togliere il finanziamento pubblico ai partiti. Roba da matti. Come faremo a sopravvivere? Dove li prendiamo i soldi?”

V: “Potreste aumentare i prezzi delle salsicce alla griglia alle feste dell’Unità…”

S: “Sì, bravo, fai lo spiritoso… Con quelle non ci paghiamo neanche la tinta a Livio Turco”.

V: “E allora cosa volete da noi, Ugo carissimo?”

S: “Sono stato autorizzato a trattare. Ci servono una dozzina di senatori, belli freschi, possibilmente incensurati”.

V: “Guarda che non stai al mercato a comprare le uova. E poi lo sai benissimo che noi non abbiamo senatori incensurati: è un nostro vanto da sempre…”

S: “Vabbe’, ma ce li avete? Pronti per votare la fiducia e per sostenere Bersani, almeno per qualche mesetto”.

V: “Fino a quando?”

S: “Diciamo fino a dopo l’estate, fino a Santa Rosa”.

V: “O che è codesta Santa Rosa? Io conosco solo Santa Maria Novella”.

S: “Lascia perdere. Allora ci stai? Governo Bersani fino a settembre e poi vedremo cosa fare”.

V: “Per me va bene, così posso andarmene in ferie a Villa Certosa senza rotture di coglioni”.

S: “Beato te. Io faccio ferragosto a Bassano in Teverina”.

V: “Noblesse oblige. Comunque devo parlarne prima con Silvio”.

S: “Ma fallo in fretta, perché qui tra Grillo e quell’altro adolescente, lì, il tuo concittadino, com’è che si chiama?”

V: “Dici Matteino?”

S: “Sì, quello con i brufoli e la fissa per le primarie. Anche lui vuole far saltare il banco, e noi dobbiamo difenderci”.

V: “Okay, vi aiuteremo noi. A buon rendere, naturalmente”.

S: “Naturalmente”.

V: “Un’ultima cosa: chi paga codesti due caffè?”

S: “Paga tu. E’ un piacere fare affari con te”.

V: “Il piacere è tutto mio”.

(Per la cronaca, l’unica cosa vera di questo dialogo è l’ultima: il conto lo ha pagato davvero Denis Verdini)

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

24   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Tutto questo chiasso per un linguinbocca tra due simpatici magliari della politica. E che sarà mai!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da