20102017Headline:

Una casa per i malati di leucemia

Patrizia Badini

Patrizia Badini

La Casa Ail sarà presto una realtà. Della realizzazione della struttura, che potrebbe vedere la posa della prima pietra tra la fine di aprile e l’inizio di maggio, ne hanno parlato il sindaco Giulio Marini e la presidente Ail (associazione che si occupa della cura delle leucemie) di Viterbo Patrizia Badini. Presenti anche il presidente di Unindustria Domenico Merlani e il vice presidente Ance Viterbo Andrea Belli.

Un progetto portato avanti su più fronti, frutto di una collaborazione tra istituzioni, associazioni e imprenditori. Il Comune ha concesso l’area pubblica in località Pietrare, sul tratto di strada diretto a Belcolle, facendo risparmiare all’Ail circa un terzo  della somma necessaria per la realizzazione della struttura.

“In Italia – ha detto Patrizia Badini – su 82 sezioni Ail, solo 33 dispongono del servizio Casa Ail e tutte si trovano nei pressi dei maggiori centri ematologici. E’ su questo che voglio porre l’attenzione – ha aggiunto – giacché Viterbo rientra tra i maggiori centri ematologici. Per questo l’Ail viterbese ha combattuto con ogni mezzo per difendere il reparto di ematologia. Una battaglia grazie alla quale siamo riusciti ad ottenere la disponibilità di un reparto più funzionale all’ospedale di Montefiascone, dove sono già iniziati i lavori di ristrutturazione e dove finalmente il reparto riavrà i suoi otto posti letto in una condizione di assoluta sicurezza per i pazienti”.

“Ora abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti ha proseguito la presidente – perché la Casa Ail sarà una realizzazione sostenuta economicamente dalla nostra associazione. La struttura accoglierà gratuitamente sia le famiglie che i pazienti di tutta la provincia, che in tal modo potranno essere assistiti adeguatamente senza la necessità di essere ricoverati a lungo. La Casa Ail avrà camere e servizi privati, spazi comuni come un soggiorno-pranzo e giardino, che permetteranno tuttavia una vita di relazione, tanto più necessaria quanto più lunga e complessa sarà l’esperienza da condividere. Previsto anche uno spazio da adibire a ludoteca per i più piccoli. L’ubicazione della Casa Ail – ha concluso Patrizia Badini – è ottimale. Ricordo quando per la prima volta ne parlai al sindaco Marini. Sposò immediatamente questa nostra missione, tanto da adoperarsi per individuare un’area pubblica sull’asse viario diretto a Belcolle. E così è stato”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da