21092017Headline:

La redenzione miracolosa della bella Ania

Ania Goledzinowska a Nepi

Ania Goledzinowska a Nepi

Che vita spericolata quella di Ania Goledzinowska. E che redenzione miracolosa, quasi quasi la Maria Maddalena di antica memoria scompare al suo confronto. E che capacità narrativa. Lo ha dimostrato domenica a Nepi dove ha tenuto incatenati al suo racconto di vita vissuta (già dato alle stampe) decine e decine di fedeli accorsi nella cattedrale al richiamo delle campane suonate dal parroco del paese, padre Janusz Konopacki che sta dando un’impronta moderna alla comunità cristiana della zona.

Il web già aveva fatto la sua parte lanciando la notizia che una giovane donna già prostituta e protagonista delle serate bunga bunga del Cavaliere aveva trovato la pace dell’anima tra le mura di un convento, lasciando la vita mondana per la solitudine monacale proprio mentre era attesa in Sardegna per partecipare al Billionere di Briatore a cui ha preferito il ritorno alla semplicità della comunità mariana dove pulisce le stanze, prepara pietanze a base di patate da lei sbucciate e dà il becchime alle galline. Nel frattempo partecipa a un movimento che predica l’astinenza sessuale prima del matrimonio. Non a caso il troppo stroppia e dà infine la nausea.

Ania Goledzinowska in passato

Ania Goledzinowska prima della conversione

La vita spericolata di Ania inizia presto, quando le muore il padre alcolista e la madre si mette in casa estranei uno dei quali abusa di lei che reagisce male alla violenza perché inizia l’autodistruzione con sesso, droghe, alcol. E se sedicenne fugge dalla natia Polonia attratta dalla fumosa promessa di diventare una top model, non trova esistenza migliore in Italia dove viene sbattuta sulla strada e costretta alla prostituzione da cui la salva un giovane.

Sembra però che la fortuna cominci a girare per il verso giusto: a Milano entra nel mondo della moda (Chanel), della tivvù, conosce la gente che conta ma ci sono in ballo sempre orge di sesso e cocaina. Per la sua avvenenza Lele Mora (suo agente che lei sconsiglia vivamente a Ruby durante una telefonata intercettata) la sceglie per i festeggiamenti del compleanno targato 2008 di un Berlusconi allora sulla cresta dell’onda sexy e lei uscirà in bikini da un pacco, seguendo il copione dei più scadenti film-panettone. Non manca il fidanzamento con un nipote del Berlusca.

Ma a questa polacca venuta dal nulla non basta: ormai desidera solo la pace dell’anima, che intravede dopo un casuale viaggio a Medjugorje, e il rispetto di se stessa che forse ha inseguito senza saperlo per tutta la sua breve esistenza. Così chiude con sesso, droga, alcol, vita spericolata, solo preghiera e astinenza da qualsiasi vizio. Che miracolo se il suo esempio fosse seguito da un bel codazzo di politici.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da