22112017Headline:

Intanto le esportazioni sono aumentate

fabbrica civita castellanaPer completare il quadro sull’internazionalizzazione si riportano i dati completi rilevati dall’Istat per la provincia di Viterbo. Nel 2012 nella Tuscia si è registrato un aumento delle esportazioni del 20,5%, una perfomance molto incoraggiante se confrontata con i dati regionali dove l’aumento è stato pari all’8,4%. Nel dettaglio l’analisi dei settori produttivi mostra un aumento dell’export per il settore agricolo del 33,7%, all’interno del quale spiccano i prodotti delle colture permanenti (alberi da frutta e frutta in guscio e frutti oleosi). Il 2012 presenta inoltre una forte crescita della collegata industria agroalimentare che vede aumentare le proprie esportazioni nel complesso del 45%, con buone performace per “carne lavorata e conservata”, con un aumento di circa il 32% e ottime per “frutta e ortaggi lavorati e conservati” il cui aumento è del 58%. Da non sottovalutare anche la crescita del settore estrattivo con un +12,6% anche se il valore esportato risulta modesto. Tra le attività manifatturiere, l’industria ceramica registra un calo nell’export dell’8,2%, complice la crisi edilizia che stanno attraversando molti paesi nei quali le nostre industrie ceramiche esportavano. Tra gli altri settori industriali si segnalano performance positive per il tessile (+215,6%), prodotti in metallo (+27,5%), computer ed apparecchi elettronici (-18,8%), apparecchi elettrici (+18%) e per i mezzi di trasporto (+17,7%). Segno meno invece per i prodotti in legno (-15%) e per le sostanze e i prodotti chimici (-47,4%). Nel complesso le esportazioni per l’industria manifatturiera sono cresciute nel 2012 del 17,7% rispetto allo stesso periodo del 2011. L’Europa rimane il nostro principale mercato di riferimento anche se non mancano aperture verso altri continenti. Viterbo infatti indirizza il 68% delle proprie esportazioni verso l’Europa, con una aumento dell’export verso questo importante partner commerciale del 13,5% nel periodo considerato. Entrando nel dettaglio notiamo che sono aumentati gli scambi con paesi che si configurano come mercati strategici per l’export della Tuscia, quali Germania +46,4%, Francia +2,8%, Turchia +27,7%, Romania +159,8%, Bulgaria +44,4%, Polonia +23%; mentre permane il segno meno dell’export verso la Spagna -23,6%, Paese che presenta importanti problematiche interne con conseguente contrazione dei consumi interni. Raddoppiate le esportazioni verso l’America settentrionale, soprattutto di Stati Uniti +99,1% e Canada +46,1% e le esportazioni verso l’Asia che segnano un +13%. Cina e Giappone aumentano la percentuale di export rispettivamente del 76,6% e del 97,5%, così come la Corea del Sud +154%,

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da