22112017Headline:

Quelle vergognose plance elettorali

Le plance elettorali a piazzale Gramsci

Le plance elettorali a piazzale Gramsci

Al di là della polemica scoppiata in queste ore tra i candidati alle primarie del Pd Michelini e Serra sulle affissioni nelle plance elettorali (Serra ha accusato il suo competitor, ma anche il comitato organizzatore, di aver affisso manifesti abusivamente e il sindaco Marini gli ha dato ragione, affermando che stamattina farà togliere tutto), val la pena pubblicare la lettera di una lettrice, a dimostrazione del fatto che gli abusi si stanno perpetuando dal 26 febbraio scorso, ossia dal giorno dopo la fine di politica e regionali. Eccola:

Come cittadina della nostra amata Viterbo mi sorge spontanea ed opportuna una riflessione: ma siamo in settimana santa o in settimana elettorale? Questo amaro pensiero deriva dal fatto che sono presenti, ancora ed insistentemente da svariato tempo, le plance elettorali per tutto il territorio di Viterbo; tra l’altro, debordanti di manifesti affissi, ridotti spesso a brandelli.

Quindi, una pletora di ringraziamenti, visi sorridenti, numeri, che ben si addicono magari all’imminente tornata elettorale. Ma ormai, a distanza di un mese, rendono la loro presenza vana e contribuiscono solo a deturpare vie e piazze di Viterbo, già infelicemente compromesse da una pulizia e manutenzione non proprio realizzata a regola d’arte. Addirittura l’altro giorno, viaggiando con la mia auto per via Mariano Romiti, le forti raffiche di vento hanno staccato di colpo uno di questi manifesti che mi è rovinato sul parabrezza con conseguenze facili da immaginare. Ed i postumi del collante sul mio parabrezza sono ancora ben visibili ( e fastidiosamente efficaci)  a distanza di qualche giorno.

Mi chiedo se sia legittimo tenere ancora queste plance attive e per quale motivo si  ancora consentito esporre dei manifesti elettorali o addirittura affiggerli di nuovi per promuovere manifestazioni, come ho constatato questa mattina. Ma la Polizia Locale non dovrebbe comminare sanzioni per questo tipo di “affissione abusiva” ? E chi usa impropriamente questi spazi  riconosce una  tassa di affissione al Comune come fa, del resto, una qualsiasi ed onesta attività commerciale per pubblicizzare la proprio attività, o tutto permane in un menefreghismo totale?

Trovo assurdo che gli onesti commerciati, che elargiscono sonori contributi per questo tipo di servizio in un periodo di profonda crisi per le loro attività, devono anche subire la truce vessazione di vedere come chi dovrebbe amministrare la “cosa pubblica” scrocca pure le affissioni. Mi sorge un dubbio: tutto ciò è derivato da semplice pigrizia di chi dovrebbe rimuoverli o invece c’è una diabolica volontà di continuare una campagna elettorale mai finita nella previsione di un repente ritorno al voto o già in preparazione delle amministrative?

Non credo che sia più possibile soprassedere o tollerare questa prevaricazione , considerate anche l’imminenza delle ricorrenze Pasquali : un momento  dove diventa imprescindibile presentare una Città con un dignitoso decoro urbano. Ed invece, un considerevole florilegio di manifesti elettorali accompagnerà, con il suo rutilante aplomb, questo sereno week end di festività.

E’ proprio il caso di dirlo: buona Pasqua, onorevoli!

Valeria Nardi

Risponde Viterbopost: cara signora Nardi, lei ha perfettamente ragione, giacché c’è una precisa normativa (da lei citata), che dovrebbe essere applicata, ma non lo è. Perché? Semplice: perché fa comodo a tutti (i partiti, ovviamente). Del resto, l’Italia è o non è, a vari livelli, il paese dei furbetti? 

 

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

351   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    No, per favore, non togliete le plance o, almeno, non coprite i vari manifesti! E’ bene, infatti, che gli elettori s’imprimano bene in mente le facce e i simboli, che definire disgustosi è quasi un eufemismo, di quei politici e partiti che hanno avuto il coraggio, o l’incoscienza, di votare.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da