21092017Headline:

Anche nella Tuscia il mattone non tira più

cantiere_sicurezzaAnziane, molte in evidente degrado, costano decisamente meno rispetto a qualche anno fa, eppure non trovano acquirenti. O ne trovano pochini. Le case costituiscono ancora uno degli asset patrimoniali della famiglia italiana e, dunque, anche viterbese, però sono in costante perdita di valore. Un recentissimo rapporto Abi/Agenzia delle Entrate parla di una riduzione di 150.000 compravendite a livello nazionale, tra il 2011 e il 2012. Peggior risultato dal 1985.

Viterbo non fa eccezione. Dei 10.908 edifici situati nel suo territorio, la maggior parte è stata costruita prima del 1919. Cioè ha poco meno di un secolo di vita. Il 97,6% delle case risulta utilizzato; il 72,41% della popolazione vive in abitazioni di proprietà, mentre il 19,34% è in affitto. Alla fine del 2011 il mercato immobiliare aveva già fatto registrare un calo delle vendite e un conseguente calo dei prezzi, soprattutto dell’usato, intorno al 6%. Il risultato 2012 è ancora più in rosso come testimoniato dai numeri del comparto costruzioni: nel 2011 erano attive nella Tuscia 1.138 imprese che si sono
ridotte a 1.003 a fine 2012, mentre i lavoratori addetti sono passati da 4.454 a 3.656.

In base ad una indagine dell’Ufficio Studi di Tecnocasa, nel secondo trimestre del 2011 le quotazioni avevano subito un arretramento del 6%. Le perdite di valore più vistose (11,8%) erano state rilevate nell’area settentrionale della città, mentre i danni erano stati limitati (3,9%) nell’area Sud. Dati che, ovviamente, sono peggiorati sul consuntivo 2012. Della serie, la crisi morde anche il mattone. Difficile stabilire l’entità del calo, ma è un fatto che l’Osservatorio della Camera di Commercio a fine 2012 ha dovuto fotografare una tendenza negativa generalizzata in tutta la provincia. Per quanto riguarda Viterbo, la diminuzione interessa sia le abitazioni nuove (1.600-2.100 al metro quadrato) o in buono stato (1.200-1.600) del centro che quelle nuove (1.750-2.700) o in buon stato (1.110-1.450) di periferia. Segno meno anche per Civita Castellana (1.600-1800 nuove), Acquapendente (1.200-1.900 nuove), Tuscania (1.100-1.500 nuove), Tarquinia città (2.400-2.600 nuove). Cioè tutti i maggiori centri della Tuscia. Risultati in controtendenza, comunque stazionari solo per Montefiascone dove le nuove case costano tra i 1.600 e i 1.800 euro a metro quadrato e per il consorzio Gradoli-Grotte di Castro (tra i 900 e i 1.400 euro e metro quadrato per le nuove). «Tutta colpa dell’Imu», accusano in molti. «No, sono i soldi che non ci sono più», sospirano altri. Comunque sia la casa perde mattoni.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da