26092017Headline:

Il tumore non è più un tabù

Acceleratore radioterapiaIn occasione della Giornata nazionale del malato oncologico, che si terrà in tutta Italia il prossimo 20 maggio, il dipartimento di onco-ematologia della Asl, in collaborazione con le associazioni Beatrice Onlus e Aman, ha predisposto un programma fitto di eventi e di incontri aperti tra cittadinanza, rappresentanti delle istituzioni, operatori sanitari, associazioni di volontari e studenti che si svolgeranno a Tarquinia, da oggi all’11 maggio, e a Viterbo nella settimana che va dal 15 al 19 maggio.

“Ogni anno in Italia – spiega il direttore dell’unità operativa di Oncologia di Belcolle, Enzo Maria Ruggeri – sono circa 250mila i nuovi casi di tumore. Con i progressi ottenuti nella diagnosi precoce e nelle tecniche diagnostiche e terapeutiche, circa il 50% dei pazienti raggiunge la guarigione od ottiene una sopravvivenza prolungata. L’accesso alle strutture più idonee, la diagnosi e le eventuali terapie, il rapporto medico-paziente, una corretta e comprensibile informazione sulla malattia e sulle terapie e la conoscenza dei diritti, sono aspetti che devono essere garantiti al paziente nel minor tempo possibile”.

Per offrire le risposte a questi bisogni è necessario che tutte le figure professionali, che intervengono a seconda delle necessità del paziente, siano disponibili e facilmente raggiungibili. “Queste giornate – prosegue Ruggeri – hanno quindi obiettivi diversificati ma collegati tra loro nell’individuazione e soprattutto nell’ascolto dell’opinione pubblica sulle necessità dei malati oncologici e delle loro famiglie. Il diritto di una persona malata è di poter accedere alle cure necessarie, più appropriate e senza alcuna discriminazione, e soprattutto vicino al proprio domicilio. Di essere quindi nella condizione di sapere dove, quando e a chi rivolgersi. Accompagnare il paziente durante il suo percorso terapeutico, sia a livello territoriale che ospedaliero, salvaguardandone sempre la dignità, è un dovere preciso e un impegno per tutti coloro che lavorano in questa specialità. Un impegno tanto più proficuo se contornato dal prezioso contributo dalle associazioni di volontariato che operano in questa azienda. Dedicare una giornata all’individuazione di aspetti critici, a volte non adeguatamente valutati da parte di noi medici, non potrà che giovare al miglioramento della qualità dei servizi offerti, delle cure e della qualità della vita dei pazienti”.

Prima di giungere nel capoluogo della Tuscia, la Giornata nazionale del malato oncologico farà tappa a Tarquinia con due appuntamenti.  Il primo avrà luogo oggi e sarà un incontro con gli studenti delle scuole medie superiori sul tema della prevenzione, della lotta contro il fumo, della vaccinazione contro l’HPV, del tumore della mammella, dell’alimentazione e dell’attività fisica. Sabato 11 maggio sarà il turno di un incontro aperto con la cittadinanza che avrà luogo presso la sala consiliare del palazzo comunale e che prevede la partecipazione del sindaco di Tarquinia, Mauro Mazzola.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da