26092017Headline:

La Cna chiede un cambio di rotta al Governo

Angelo Pieri e Luigia Melaragni

Angelo Pieri e Luigia Melaragni

Il manifesto di Rete Imprese Italia ora è nelle mani del Governo. Contiene le richieste che le aziende che fanno capo alla Cna rivolgono al nuovo esecutivo per risollevare le sorti dell’economia.  Riduzione della pressione fiscale, semplificazione normativa e amministrativa, accesso al credito, pagamento dei debiti della pubblica amministrazione e sostegno al mercato del lavoro sono interventi irrinunciabili sono le principali misure rivendicate.

“Le imprese hanno impegnato tutte le loro energie per non farsi travolgere dalla crisi e garantire la tenuta del Paese. Adesso tocca al governo e alla politica agire con misure concrete. Questa mattina (ieri,ndr), è stato consegnato al premier, Enrico Letta, e al ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, il manifesto di Rete Imprese Italia con ‘le priorità per tornare a crescere’. Ci auguriamo che dalla consapevolezza espressa sulle enormi difficoltà del momento, l’esecutivo passi ai fatti”. Così Angelo Pieri e Luigia Melaragni, rispettivamente presidente e segretaria della Cna di Viterbo e Civitavecchia, che hanno partecipato, a Roma, all’assemblea nazionale annuale del soggetto unitario di rappresentanza promosso dalle maggiori associazioni dell’artigianato, del commercio, dei servizi e del turismo.

“Nei giorni scorsi, il documento presentato oggi è stato sottoscritto nelle nostre sedi da centinaia di imprenditori e cittadini. Sono da apprezzare – affermano Pieri e Meleragni – alcune aperture manifestate da Letta e Zanonato, per esempio sul rifinanziamento del Fondo centrale di garanzia e sulla vigilanza che deve essere esercitata sui tassi praticati dalle banche a chi accede al Fondo, sulle modifiche, nella direzione di uno snellimento, del decreto sui debiti della pubblica amministrazione, sul rifinanziamento, ogni giorno più urgente, della cassa integrazione in deroga”.

“Con il governo dovrà svilupparsi un confronto serrato – proseguono il presidente e la segretaria della Cna – perché si adottino provvedimenti davvero in grado di avviare la ripresa. Sul versante delle imposte, per esempio, l’Imu non solo deve essere sospesa subito anche per i capannoni e i negozi, ma va abolita sui beni strumentali: come dimostra uno studio della Cna nazionale, nel caso delle aziende il passaggio dall’Ici all’Imu ha comportato aumenti fino al 200 per cento e ha rappresentato un danno gravissimo, poiché si tratta di un tributo che prescinde dal fatturato e va pagato anche se l’attività è in perdita”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da