17122017Headline:

Musei universitari: c’è pure la Tuscia

universitàC’è anche l’Università nella Tuscia nella cordiale intesa che dodici atenei della Penisola (Bari, Cagliari, Chieti-Pescara, Ferrara, Firenze, Modena-Reggio Emilia, Parma, Perugia, Roma “La Sapienza”, Salento e Siena) hanno intrecciato per rilanciare il ruolo dei musei universitari.

L’accordo riguarda il progetto dal titolo “Le tecnologie informatiche e le nuove realtà per la conoscenza, il networking e la valorizzazione del patrimonio culturale scientifico: il ruolo della rete dei musei universitari”, premiato dal ministero dell’Istruzione e dell’università con 700 mila euro. L’ateneo viterbese porta in dotazione, per così dire, le sue strutture: l’Orto botanico; il museo Erbario; la Banca del Germoplasma; la sezione micologica del museo nazionale dell’Antartide; le collezioni entomologica, anatomia comparata, zoologia, di arte contemporanea e archeoologica; il museo della Città e del territorio di Vetralla.

“Il progetto – spiega la coordinatrice Elena Corradini, docente di Restauro e recupero degli edifici monumentali – spiega avrà durata biennale e ha come principale obiettivo la creazione di un portale web bilingue, che rappresenterà la prima rete italiana dei Musei Universitari consentendo di unificare la loro presenza sulla rete internet, di potenziare e standardizzare la presentazione di contenuti di qualità, in una prospettiva innovativa che tenga conto della peculiarità delle collezioni e delle esperienze di ogni singolo museo universitario, della loro interdisciplinarietà e possibili usi nel contesto storico sociale e culturale contemporaneo”.

Il progetto utilizza come strumento di guida dell’utenza percorsi tematici per la divulgazione dei quali, oltre ai supporti cartacei, verranno impiegate nuove tecnologie multimediali caratterizzate da un buon grado di usabilità e accessibilità da utilizzarsi, oltre che nei percorsi espositivi on site,  online nel portale, nei siti web, anche attraverso dispositivi mobili

A questo proposito il gruppo di lavoro ha articolato l’intervento in quattro percorsi tematici: ambiente; paesaggio;  storia della strumentazione scientifica; infine alle storie, il racconto cioè dell’origine dei diversi musei e delle loro collezioni.

Inoltre, sarà realizzato un servizio informativo con due funzioni: una per orientare gli studenti nella scelta di percorsi formativi e di ricerca legati al proprio ambito scientifico; l’altra per promuovere, sostenere e sviluppare opportunità di carattere lavorativo in campo museale per giovani laureati, dotandosi di un sistema innovativo di relazione e diffusione/fruizione delle risorse professionali di carattere museale: il teleporto dei giovani museologi.

La rete dei musei delle dodici università italiane sarà collegata con l’University Museums and collections international commitee (Umac)  e l’International council of museums  (Icom).

 

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da