22102017Headline:

Antonio e Kiko: due orgogli viterbesi

Antonio Poli e Kiko Canela

Antonio Poli e Kiko Canela

Antonio Poli: 27 anni, tenore, metà viterbese e metà canepinese. Kiko Franklin Canela: 24 anni, mestre (maestro) di capoeira, metà viterbese e metà brasiliano. Cittadini del mondo, ma tesori viterbesi, anche se poco conosciuti al vasto pubblico cittadino. Un’amicizia adolescenziale nata sotto il segno della capoeira, che prosegue ancora oggi nei pochi momenti in cui si ritrovano – entrambi – a Viterbo.

In questo momento Antonio è al festival di Glyndebourne – in Inghilterra – dove sta interpretando il Falstaff per 22 repliche. Poi andrà a Berlino, Chicago, Tokyo. Insomma, in giro per il mondo

Kiko è a Viterbo, ma è fresco reduce dalla conquista della medaglia di bronzo ai mondiali di capoeira – arte marziale brasiliana, una lotta nascosta nella danza – di Baku (Azerbadjan), magistralmente allenato dal padre, il grao mestre Floriano Canela.

È bello pensare ad entrambi come ad ambasciatori di Viterbo nel mondo, molto più considerati all’estero che in patria. Purtroppo.

Per quel che mi riguarda, è ancora più bello pensare ad uno – Antonio – come la più bella scoperta del Mini Festival di Viterbo, attualmente presidente di giuria, e all’altro – Kiko – come ad uno dei più applauditi ospiti della serata finale del Mini Festival stesso, nel febbraio scorso a Fabrica di Roma.

Sarà che ci sappiamo fare ad individuare talenti, ma la cosa mi riempie di gioia. Mi piacciono i tesori nascosti, ma ci piacerebbe di più se anche la nostra città se ne accorgesse e ne fosse fiera.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

14   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Non ci mancava proprio il Filippo Rossi da Trieste “de sinistra”.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da