25112017Headline:

E’ ufficiale: Esattore Spa chiude

Sandra Marcucci (nel riquadro)

Sandra Marcucci (nel riquadro)

Oramai è ufficiale: la Esattorie Spa è in procinto di chiudere i battenti. La presidente Sandra Marcucci ha confermato ieri al sindaco Giulio Marini e ai lavoratori la volontà di presentare in Tribunale richiesta di concordato preventivo, di fatto l’anticamera del licenziamento. Per i 38 dipendenti di Viterbo, come per i 70 colleghi del Molise, si prospetta uno scenario tutt’altro che roseo: cassa integrazione in deroga a zero ore e senza rotazione oppure, qualora il ministero non desse il via libera, lo spettro della disoccupazione. Intanto, da lunedì scattano le ferie forzate per tutti.

“La presidente – racconta Maria Elvira Fatiganti della Uil-Tucs – ha ribadito ai lavoratori che non ci sono alternative alla cig perché non ha più liquidità. Ha fatto capire che la loro sorte è affidata alle mani del Comune, che potrebbe riassorbirli”. Per gli stipendi arretrati, i tempi si allungano. “Subentrerà il curatore fallimentare e noi – spiega – dovremo ricorrere ai decreti ingiuntivi e al giudice, ma alternative non ce ne sono”. Resta il dubbio se il ministero del Lavoro concederà o meno l’ammortizzatore sociale visto che la prassi è di negarlo per i settori dei tributi e delle esattorie. “C’è stata – accusa Fatiganti – poca trasparenza nella gestione della spa, lo dicono anche i colleghi di Isernia. Non si fallisce in tre giorni. Marcucci ha invece sempre rimandato gli incontri, è stata evasiva coi sindacati, ha cercato di tappare i buchi e di eludere le risposte”. L’unica cosa certa è che i sindacati metteranno la vertenza sul tavolo del futuro sindaco non appena si sarà insediato.

Parla di situazione drammatica il segretario della Filcams Cgil, Carlo Proietti. “L’azienda – racconta – spiega di non avere soldi perché alcuni Comuni, non quello di Viterbo che è in regola, non hanno versato il dovuto per il servizio. Ma il nodo ora riguarda come garantire il servizio se l’azienda chiude”. La proroga alla convenzione col Comune di Viterbo scade a fine giugno. “Resta da capire  – si chiede Proietti – se il Comune è in grado di espletare in proprio il servizio. Col patto di stabilità non si possono fare assunzioni e comunque per entrare in un ente serve un bando pubblico. Per questo abbiamo chiesto un incontro in prefettura”.

 

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

352   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Bella domanda, a cui l’ex autista di Perugi finora non ha risposto. Forse perché troppo impegnato a cucinare penne e a offrire panini con la porchetta.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da