11122017Headline:

Ecco gli sgravi per i potabilizzatori privati

Leonardo Michelini

Leonardo Michelini

Eppur si muove. Sul fronte dell’arsenico qualcosa inizia a sbloccarsi: possibili le detrazioni fino al 65 per cento per privati cittadini o imprenditori che installeranno in casa o in azienda un impianto di dearsenificazione. Certo, per ora si tratta solo dell’impegno da parte del ministro dell’Ambiente Andrea Orlando di inserire un emendamento al decreto energia. Emendamento che dovrà essere votato e approvato. Fatto sta appena insediato il neo sindaco Leonardo Michelini incassa la prima azione concreta contro l’arsenico, complice anche il deputato del Partito democratico Alessandro Mazzoli, col quale ieri ha incontrato Orlando. Prossimo passo: il parlamentare seguirà l’emendamento e ci saranno ulteriori incontri col ministero della Salute.

Resta intanto incandescente il fronte interno della vicenda: le multe di migliaia di euro che la Asl di Viterbo ha elevato in questi giorni ai danni dei Comuni stanno imbarazzando e non poco sia i vertici aziendali sia la Regione. L’ente di via Cristoforo Colombo avrebbe ricevuto una lettera con cui l’azienda sanitaria chiede come deve comportarsi in tema di sanzioni. Lettera che ancora starebbe sui tavoli di qualche funzionario romano. Insomma, stando ai boatos di palazzo la Regione imputa alla Asl la responsabilità dell’inasprimento dei controlli non intendendo essere additata come la mano che pesca negli esangui bilanci comunali.

Resta poi in sospeso la questione delle sospensione del flusso idrico ordinata dall’Istituto superiore di sanità a partire da luglio per i comuni in cui la concentrazione del metallo pesante è superiore ai 20 microgrammi e dove non siano attivi tutti i dearsenificatori previsti. Anche in questo caso, dalla Regione nessuno ancora vuole esporsi. Fatto sta che voci insistenti parlano di una prossima proroga dei termini che l’ente strapperà all’istituto al fine di evitare il caos più totale in migliaia di case a cui verrebbe a mancare l’acqua corrente. Nel frattempo, però, la Regione spingerà affinché l’entrata in funzione degli impianti avvenga in tempi brevissimi.

Ad alleggerire l’amaro in bocca resta il primo obiettivo centrato ieri da duo Michelini-Mazzoli.  “Il ministro Orlando – commenta il sindaco – si è dimostrato attento alla nostra proposta e si è impegnato a portare l’emendamento all’attenzione della Camera. Si tratta di una prima risposta concreta che mettiamo in campo per rendere potabile l’acqua delle abitazioni, in attesa di soluzioni definitive che richiedono sicuramente tempi più lunghi”. A poter beneficiare della detrazione fiscale di circa il 65% delle spese sostenute sarebbero tutti i cittadini che installano un impianto di dearsenificatore ad uso domestico, o per altri usi connessi alle produzioni alimentari.

“Abbiamo voluto – spiega Mazzoli – avviare un percorso concreto che possa aiutare i cittadini del Viterbese a far fronte all’emergenza idrica. Abbiamo avuto un primo contatto anche col ministero delle Attività produttive e coinvolgeremo anche il dicastero della Sanità. Intendiamo seguire il percorso dell’emendamento affinché venga approvato e lavorare per ottenere risultati concreti volti a garantire acqua potabile a tutti i viterbesi”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da