16122017Headline:

Grande festa di chiusura al PalaMalé

La preparazione di una gara

La preparazione di una gara

Per fare festa, per salutarsi e per passare il testimone alla città che ospiterà i prossimi Giochi nazionali estivi Special Olympics di nuoto. Per tutti questi motivi la cerimonia di chiusura ospitata dal PalaMalè ha regalato ad atleti, familiari, tecnici, volontari e fan l’ennesima serata indimenticabile. Una chiusura in bellezza per il ciclo degli eventi estivi nazionali che ha toccato quattro territori (partendo da Arezzo, passando per Cagliari, Villasimius e Lodi) coinvolgendo circa 2000 atleti (un record) e un totale di oltre 10 mila persone in quello che è stato definito dal presidente di Special Olympics Italia Maurizio Romiti “un unico grande gioco”.

“Dobbiamo ringraziare Viterbo – ha detto Alessandro Palazzotti, vicepresidente di Special Olympics – per come ha accolto i nostri giochi. Ci sentiamo sempre più orgogliosi dei nostri atleti che ogni volta superano i loro limiti, dei loro genitori che hanno capito l’importanza dell’attività motoria nel percorso di vita dei figli. Orgogliosi dei 500 volontari di Viterbo, Frosinone e Palestrina che hanno compreso cosa significhi condividere esperienze di sport e di socializzazione. Ora passiamo la palla a Venezia, che sicuramente organizzerà l’edizione del trentennale con la stessa passione”.

Il passaggio di consegne tra Viterbo e Venezia, dopo l’ingresso della bandiera Special Olympics portata dagli Scout, è avvenuto in modo istituzionale. Gli assessori dei due Comuni hanno vissuto con emozione questo momento: “Ringraziamo tutti per averci dato la possibilità di vivere quest’esperienza – ha dichiarato l’assessore alla cultura viterbese Giacomo Barelli – perché adesso ci sentiamo tutti un po’ più speciali. E’ stato bello assistere a tante prove di forza e determinazione degli atleti. L’auspicio è quello di rivederci presto, per un’altra occasione bella come questa”. “A noi toccherà la prima tappa dei Giochi nazionali del 2014 – ha continuato l’assessore allo Sport del Comune di Venezia Roberto Panciera – e speriamo di riuscire a fare bene come voi avete fatto in questa edizione. Prendiamo in consegna il fuoco olimpico per continuare nel vero spirito dello sport inclusivo, per accogliere nel miglior modo possibile circa 1300 atleti”.

La delegazione lagunare ha quindi mostrato il simbolo dei giochi, la “V” di Venezia fatta con due dita in alto, in segno di vittoria e di esultanza. Erano presenti anche il direttore regionale Special Olympics del Veneto Betty Pusiol e il direttore provinciale di Venezia Stefano Quarta.

Durante la cerimonia è avvenuta la proiezione di tanti video ed uno tra questi ha raccolto tante immagini scattate da Mario Vintari e Francesco Moscetti. Una carrellata di volti che hanno raccontato l’impegno, lo sforzo, la determinazione, la gioia e i sentimenti di amicizia degli Atleti protagonisti nella vasca della piscina comunale e nelle acque del lago di Capodimonte.

Gli immancabili balli di gruppo hanno tenuto alto il livello di allegria, anche grazie all’Asd Swing Brasile di Viterbo, scuola di zumba diretta da Anna Agosti.

Daniel Vincente D’Oria: “La benedizione di papa Francesco ha funzionato”

Daniel D'Oria

Daniel D’Oria

Il destino ce l’ha nel nome. Daniel Vincente D’Oria, atleta ternano nato a Buenos Aires, del Team Tutti in Gioco, mette nel borsone dei Giochi nazionali tre argenti brillantissimi. A 36 anni, Daniel dedica allo sport un grande impegno ed nella vasca viterbese ha nuotato salendo sul podio dei 25 stile libero, dei 25 dorso e della staffetta 4×25 mista. “Sono soddisfatto di me – esulta Daniel – anche perché sono tornato in acqua da poco. La disciplina che pratico di più è il tennis tavolo. Sono stato anche ai Giochi mondiali di Atene, ottenendo anche lì un bell’argento”. In Italia dall’età di 10 anni, il nuotatore umbro condivide con i suoi genitori tanti ricordi del Sud America e della sua vecchia parrocchia di Lanus Este, un quartiere di Buenos Aires pieno di Italiani: “Quando ho saputo che era stato scelto un papa argentino – ricorda – non ci credevo. Il pontefice mi è simpatico, sarebbe capace di tenere le chiese aperte anche di notte, come in Argentina. E grazie a Special Olympics ho avuto anche la possibilità di scrivergli un invito per questi giochi. La sua benedizione mi ha dato un bell’incoraggiamento. Un giorno spero proprio di conoscerlo”.

E Gianluca Tauro si tuffa nell’oro…

Gianluca Tauro

Gianluca Tauro

Oro nei 50 metri delfino, 100 metri stile libero e staffetta 4×50 mista unified, argento nella staffetta 4×50 mista. E’ l’abbondante bottino ottenuto da Gianluca Tauro, atleta di Marino (Roma) iscritto al Team Assosporth. Ventisette anni ad agosto, Gianluca conclude le gare vincenti stringendo il pugno e con un urlo di liberazione che trasmette una grande energia. I suoi tanti amici lo chiamano Giangi ma lui, tifosissimo giallorosso, ha deciso di dedicarsi ogni successo: “Gli allenamenti 4 o 5 volte la settimana li faccio io – spiega – è giusto quindi che queste medaglie le dedichi a me stesso. Apparte gli scherzi, sono felice di quello che ho fatto e voglio godermi le vittorie con i miei genitori, Alberto e Gerardina, con mio fratello Fiore e mia sorella Ambra. Magari un giorno spero di guadagnarmi una convocazione ai Giochi mondiali. Sarebbe un’esperienza fantastica per me, che nuoto dall’età di 4 anni e dal 2006 sono sempre presente alle gare di Special Olympics”.

Viterbo saluta i protagonisti dei Giochi Nazionali Special Olympics

Sono stati 420 gli atleti, 57 i team che in questi giorni hanno invaso Viterbo con la loro allegria sentendosi accolti in una città che ha saputo condividere i valori inclusivi di Special Olympics. Ecco tutte le squadre che hanno partecipato ai XXIX Giochi nazionali estivi di nuoto: San Marino; La Coccinella (Basilicata); Asd Andromeda Reggio Calabria (Calabria); Carnia Special Team, Oltre lo Sport Udine, Gymnasium Special Team Pordenone, Acquamarina Team Trieste Onlus, Asd Polipo Sportivo (Friuli Venezia Giulia); Anffas Liguria, Olimpia Recco, Angssa La Spezia, Nessuno Escluso (Liguria); Il sorriso Cernobbio, Asd Noivoiloro, Sesamo Onlus (Lombardia); Liceo Iacovitti Termoli (Molise); Passepartout, Asd Amico Sport, Asad Biella, Pandha Torino, Vivere Sport, Filgud (Piemonte); Olimpihà Acquaviva delle Fonti (Puglia); Polisportiva Olimpia Sarrabus Onlus, Polisportiva Olimpia Onlus, Special Team Ge.Na. (Sardegna); Asd Orizzonte Gela (Sicilia); Aipd Versilia, L’Allegra Brigata, Apodi Don Carlo Gnocchi, Special Team Prato, A.S. Zenith Livorno (Toscana); Asd Tutti in Gioco Libertas Terni, Istituto Serafico (Umbria); Aspea Padova, A.S. Alba Chiara, Polisportiva Terraglio (Veneto); Coop Cotrad, Circolo Canottieri Tevere Remo, Assosporth, Green House, Afisbi, Asd Con Noi, Roma 12, La Lepre e la Tartaruga, Mai soli, Swimming time Empolum, Santa Maria, Polisportiva Banca d’Italia, Asd Polisportiva Noi con Voi, Istituto Superiore Orioli Viterbo, Sorrisi che Nuotano Eta Beta (Lazio).

 I risultati ottenuti da tutti gli atleti viterbesi ai Giochi

Atleti e genitori

Atleti e genitori

Istituto Superiore Orioli: Alberto Bocci, 1500 metri acque libere (argento), 100 misti (oro), 50 m stile libero (oro); Antonio Carosi, 50 metri stile (partecipazione).

Sorrisi che nuotano – Eta Beta: Lorenzo Pizzamiglio, 25 stile (bronzo), 25 rana (oro); Simone Ramacciani, 25 sl (argento), 25 dorso (medaglia di partecipazione); Daniele Silvestri, 25 sl (bronzo), 25 delfino (partecipazione); Roberto Ricci, 25 sl (partecipazione), 25 delfino (oro), Stefano Vagnoni, 25 sl e 25 dorso (partecipazione); Valerio Lupieri, 25 sl (bronzo), 25 dorso (partecipazione); Michelangelo Corbianco, 100 sl (oro), 1500 acque libere (oro); Marta Troili, 25 sl (argento), 25 dorso (partecipazione); Martina Casagrande, 25 sl (oro), 25 dorso (partecipazione); Maria Chiara De Angelis, 25 sl (partecipazione), 25 dorso (oro); Viviana Cozzani, 25 sl (bronzo), 25 dorso (partecipazione); Silvia Arcangeli, 25 sl (oro); Caterina Fioravanti, 25 sl (argento); Maria Celeste Carnassale, 25 sl (bronzo), 25 dorso (argento); Oro per la staffetta 4×25 sl femminile (Maria Chiara De Angelis, Martina Casagrande, Viviana Cozzani e Marta Troili); argento per la staffetta 4×25 mista (Simone Ramacciani, Lorenzo Pizzamiglio, Roberto Ricci e Daniele Silvestri).

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da