25092017Headline:

Quelli che… parlano (dall’8 al 14 giugno)

merloQuelli che a seguito del ballottaggio (9 e 10 giugno) che  ha impalmato Leonardo Michelini nuovo sindaco del capoluogo in nome e per conto del centro sinistra, hanno commentato, interpretato, spiegato, chiarito, illustrato, annotato, chiosato, glossato, postillato, imprecato etc. etc.

Quelli che “Leonardo è un mio uomo? E’ una cosa che non esiste. Quante volte lo cercherò al giorno? Io non chiamo nessuno: sono a disposizione” (Peppe/Beppe Fioroni, deputato del Pd).

Quelli che, in vista della formazione dell’esecutivo, avvertono: “ora festeggiamo, da domani si litiga” (Francesco Serra, primo degli eletti del gruppo del Pd con 882 voti).

Quelli che, sempre in vista della formazione della giunta, scandiscono la linea: “Non ci devono essere amministratori di centro destra: o noi o loro” (Umberto Cinalli, coordinatore di Sinistra Ecologia e Libertà).

Quelli che, avendo la precipua competenza di nominare la squadra di governo, mandano tosto a dire che “la giunta? I partiti rimarranno fuori dalle mie decisioni” (il sindaco Leonardo Michelini).

Quelli che sono passati da uno schieramento all’altro con un eccellente salto mortale e mezzo rovesciato con tre avvitamenti in posizione libera: “Io a disagio? Macché ora mi diverto con i miei vecchi amici” (Goffredo Taborri, consigliere eletto con la lista del neo sindaco ”Oltre le mura”, già consigliere e assessore con la gualdrappa di varie formazioni di centro destra).

Quelli che, durante le fatidiche ore dello spoglio, hanno smoccolato in silenzio, non evitando di imprecare contro il destino cinico e baro: “Neanche la soddisfazione di vedere una sezione in cui siamo in vantaggio…” (Giovanni Arena, già assessore e consigliere del Pdl per tanti anni, non rieletto).

Quelli che, non potendo più dare cattivi esempi, dispensano (gratuitamente) ottimi consigli: “Bisogna accettare la sconfitta” (Maria Antonietta Russo, già consigliere e assessore del Pdl, non rieletta).

Quelli che, sconfitti al ballottaggio,  hanno audodettato il proprio epitaffio politico-amministrativo: “Non ho nulla da rimproverarmi, ho fatto fino in fondo il mio dovere, mai arretrando da valori come onestà e dignità, cardini della mia vita” (Giulio Marini, sindaco in carica dal 30 aprile 2008 al 10 giugno 2013).

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da