23102017Headline:

Special Olympics: volontari e umanità

Gli Scouts con la bandiera italiana

Gli Scouts con la bandiera italiana

“Mi ci sono volute un po’ di ore di sonno per riprendermi dall’esperienza di Special Olympics, questo è vero. Però ora che ho metabolizzato e realizzato tutto ciò che è successo, ringrazio il mio cuore che mi ha spinto a scegliere di affrontare questa meravigliosa avventura buttandomici a capofitto perchè, finalmente, sono fiera di me.” “Il sole e la luna illuminano e riscaldano l’intero universo. Voi, atleti speciali, siete le stelle che – con il vostro sorriso, la vostra allegria e la vostra semplicità – illuminate, riscaldate e riempite il cuore e l’anima di chi vi ha conosciuti, di chi vi conosce e di chi avrà la fortuna di conoscervi.”

Questi sono solo alcuni dei centinaia di commenti che i circa 300 volontari viterbesi presenti agli Special Olympics hanno postato su Facebook per condividere il proprio stato d’animo, durante e dopo la fine dei Giochi nazionali di nuoto dedicati agli atleti speciali che si sono svolti, a Viterbo, dal 22 al 26 giugno scprsi. Atleti speciali, persone affette da disabilità di tipo psichico che rendono le loro azioni – e reazioni – così diverse dalle nostre ma, spesso, molto più spontanee ed umane.

Ho avuto il privilegio di coordinare e gestire i quasi 200 volontari destinati al Villaggio olimpico, una sorta di “caos organizzato” allestito – al Pala Malè – per far divertire gli atleti al di fuori delle gare in piscina. Nei giorni scorsi i mezzi d’informazione hanno dato risalto alle gare, alle feste, agli atleti presenti ed alle loro storie: sono il vero cuore di Special Olympics. Ma, come si suol dire, se gli atleti sono il cuore, i volontari sono l’anima di manifestazioni di questo genere. Ed è proprio a loro che voglio dedicare questo mio ingresso su Viterbopost.it.

Per via del consiglio comunale, mi sono dovuto perdere il momento degli addii – preferisco pensare ad arrivederci – con atleti e volontari che, mi dicono, è stato particolarmente commovente. Per questo utilizzerò questo spazio per ringraziarli – a titolo personale, perché Special Olympics lo ha già fatto in quell’occasione – per le giornate impiegate in un servizio che, ai più, era sconosciuto ma che si è rivelato un’esperienza faticosa ma entusiasmante.

Ragazze e ragazzi, siete stati forti, avete colto il senso del servizio a cui eravate chiamati, che non prevedeva perfezione, ma tanta umanità. Lo avete capito e, a questo punto, sarebbe un crimine disperdere un patrimonio di solidarietà di questo genere. Io qualche idea ce l’avrei e sarò lieto di condividerla con tutti voi; il percorso deve continuare. Siamo solo agli inizi, perché: “Che io possa vincere ma, se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze (giuramento degli atleti agli Special Olympics)”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

24   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    A leggere i pipponi politicamente correttissimi di Moricoli vengono minimo i diverticoli.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da