23112017Headline:

“Progetto Alzheimer”: prima candelina

È stato festeggiato, presso il centro socio riabilitativo “Luigi Capotorti”, il primo anno del “Progetto Alzheimer”.  Erano presenti il sindaco Mauro Mazzola, l’assessore ai servizi sociali Enrico Leoni e il direttore del distretto 2 della Ausl Fabiola Cenci. Finanziata dall’amministrazione comunale, l’iniziativa è coordinata dal Distretto 2 dell’Ausl, che si avvale della cooperativa Alice.

Il “Progetto Alzheimer” coinvolge un gruppo di otto persone residenti a Tarquinia, seguite da un’equipe di medici, psicologi, assistenti sociali, terapisti occupazionali e operatori sociosanitari. Il percorso riabilitativo ha la finalità di contrastare la progressiva perdita delle abilità cognitive, di mantenere costante la capacità di svolgere le attività quotidiane e di offrire un sostegno alle famiglie. «Voglio ringraziare i professionisti che in questi dodici mesi ha svolto un lavoro straordinario. – ha dichiarato il primo cittadino – Continueremo a garantire il nostro sostegno, per erogare un servizio indispensabile ai pazienti e ai parenti». «L’iniziativa ha una forte valenza sociale. – ha affermato l’assessore Leoni – Con questo progetto si vuole migliorare la qualità della vita dei malati, con attività specifiche, e dei familiari, attraverso momenti d’incontro e d’informazione utili ad accrescere la consapevolezza sui disturbi provocati dalla patologia». «Ringrazio l’amministrazione comunale per l’aiuto che offre. – ha detto la dottoressa Cenci – Il nostro “Progetto Alzheimer” è un modello preso da esempio da altre realtà regionali».

La demenza di Alzheimer è causata da un’alterazione delle funzioni cerebrali, la quale implica serie difficoltà per il malato nel condurre una vita normale. Colpisce la memoria e le funzioni cognitive, si ripercuote sulla capacità di parlare e di pensare ma può causare anche altri problemi fra cui stati di confusione, cambiamenti di umore e disorientamento spazio-temporale.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da