25112017Headline:

Vetralla, esibizione dei rugbysti in erba

E’ stata una grande festa di sport quella svoltasi nei giorni scorsi al parco pubblico di via Aldo Moro a Cura di Vetralla per la giornata conclusiva del progetto rugby educativo che la scuola primaria di Cura ha condotto nel corso dell’anno scolastico in collaborazione con l’Asd Fogliano 2000.

La prima edizione del torneo scolastico ha visto la partecipazione di oltre cinquanta bambini delle classi seconde e terze che hanno dato vita ad un appassionante confronto seguito con interesse dai genitori, i quali, a loro volta, nella migliore tradizione della pallaovale, hanno provveduto a preparare un fantastico “terzo tempo” svoltosi al termine all’interno dell’adiacente campo da tennis al coperto. Insomma, una festa per tutti ad iniziare da un sicuramente divertito prof. Santoni, il dirigente scolastico, al quale è toccato l’onore e l’onere del calcio di inizio della prima sfida, per continuare con le insegnanti – Fernanda Napoleone, Alba Fabbri, Patrizia Conti, Liliana Basile – che hanno coadiuvato gli educatori nel corso dell’anno, al vicesindaco Zelli e all’assessore allo Sport Ferri anche loro presenti per l’intera durata dell’evento. A vigilare sulla sicurezza di tutti poi, la Croce Rossa di Vetralla, presente con un’ambulanza,  e i volontari della locale Protezione Civile a cui sono andati, al termine, i ringraziamenti degli organizzatori.

Un vero e proprio successo, quindi. il cui merito va in massima parte a Fabrizio Lunedini, il responsabile Rugby Scuola della Fogliano 2000, che è riuscito a invogliare i ragazzi e le loro famiglie ad avvicinarsi sempre più a questo straordinario sport.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da