23112017Headline:

Chiara, flash mob anti-proibizionismo

giovani di notteUn conto è riempirsi la bocca e sparare a zero, magari per principio, magari per doppi fini, molto spesso sciocchi, molto spesso inutili, quasi sempre doppi fini politici. Poi ci sono quelli che studiano, e che contestano nel merito. La contestazione in questione riguarda l’ordinanza antialcol emessa dal Comune di Viterbo per il terzo anno consecutivo, benché siano cambiati i firmatari visto che sono anche cambiati gli inquilini di palazzo dei Priori. La sostanza dell’ordinanza – e si perdoni il calembour – è sempre la stessa: vietato bere alcolici all’aperto, tranne nei luoghi specificamente dedicati dai locali, da mezzanotte alle sei di mattino. Tutti i giorni, fino al 30 settembre prossimo. Una cosa che ha fatto imbufalire giovani e commercianti, tutti allo stesso modo, anche se per ragioni diverse.

Quelli che organizzano la protesta, invece, sono i militanti o simpatizzanti di Viterbo 2020 e della sua emanazione giovanile – appena nata ma già evidentemente agguerrita – di Viterbo2020 young. Giovani, dunque, ma non solo, che hanno come riferimento Chiara Frontini, candidata sindaco alle ultime comunali ed entrata in consiglio. Loro hanno avuto l’idea di questo Flash mob (cioè raduno più o meno spontaneo, di protesta e sensibilizzazione, dai modi originali e civili), ma l’invito è rivolto a tutti quelli che vorranno partecipare, giovani e commercianti in primis. L’appuntamento è a piazza del Comune, all’orario giusto visto l’argomento: le 23.30, quando la movida è già iniziata ma non è ancora in fase calante.

“La nostra è una battaglia che conduciamo in prima linea, già dall’anno scorso – spiega la stessa Frontini – Anche perché l’ordinanza è identica a quella precedente. I-den-ti-ca. Anche altri gruppi giovanili hanno protestato, segno che non è una questione politica, ideologica o di corporazioni, ma è un argomento che sta a cuore a tutti. E sul quale ho già pronto un ordine del giorno da portare al prossimo consiglio comunale”. Per proseguire la questione anche in altre sedi.

Ma la giovane leader di Viterbo2020 entra anche nel merito delle contestazioni: “Intanto, l’ordinanza antialcol, a nostro avviso non risolve il problema dell’alcol. Perché chi vuole bere può rifornirsi comunque prima e dopo, in supermercati o discoteche. E chi vuole bere fino a farsi male lo farà in ogni caso. E magari il divieto forzato e forzoso può anche avere l’effetto di rendere più affascinante la trasgressione. Perciò non ha senso limitare la libertà dei ragazzi, tutti penalizzati da questa legge, anche soltanto se vogliono uscire dopo mezzanotte per farsi una birra, una sola birra, con gli amici. Per non parlare dei commercianti, perché la nostra è una battaglia anche per loro: sono poche le realtà che si possono permettere gli spazi di suolo pubblico da destinare alle bevande dopo l’orario consentito, tutti gli altri ci rimettono e basta”.

Ma il gruppo di Viterbo2020 vuole anche ragionare sulle soluzioni. “Perché vanno certo considerate le esigenze sacrosante dei residenti – spiega Frontini – che hanno diritto alla quiete e alla pulizia. Ma si può mettere tutte le parti intorno ad un tavolo e studiare una strategia comune, che accontenti tutti nel modo migliore. E si possono coinvolgere le forze dell’ordine, magari delle campagne di sensibilizzazione al bere intelligente. Campagne sul lungo periodo, intendo, per risolvere il problema attraverso l’educazione, e non la repressione. Così come per le sanzioni a chi non rispetta l’ordinanza: invece della multa, crediamo siano più giusti dei percorsi rieducativi”. Stasera, alle 23.30, un brindisi tutt’insieme sotto le stelle: con la speranza che possa essere la dimostrazione pratica che anche la movida – persino la movida – può essere intelligente. Anzi, smart.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da