25092017Headline:

Gufare è lo sport preferito dai viterbesi

caffeina Piazza_FossoIl gufo è un animale simpaticissimo. Discreto, sedentario, pacioso. Se ne sta appollaiato su un ramo per tutto l’inverno  e agisce solo di notte. Nella tradizione fiabesca e nel mondo dell’animazione è quasi sempre rappresentato come un animale saggio ed erudito, che diffonde la sua cultura a tutta la comunità animale con cui entra in contatto, ma è anche molto pignolo e permaloso. Un valido esempio ne è Anacleto, il gufo che vive col mago Merlino nel film “La spada nella Roccia”, della Disney. Da gufo deriva però il verbo gufare, che nel registro colloquiale, vuol dire portare sfortuna, o sfiga, come si dice adesso.

Ebbene, all’ombra di palazzo Papale quello del gufare sembra essere perennemente lo sport preferito dai viterbesi. O meglio, da certi viterbesi, che entrano in azione imperterriti non appena la città riesce in qualche modo ad alzare la testa e ad uscire da quell’aurea mediocritas di cui si è sempre beata nel corso degli anni. L’ultimo esempio in tal senso riguarda Caffeina, la manifestazione che ha cambiato e sta cambiando Viterbo.

Su Caffeina non ci dovrebbero essere dubbi di sorta, solo che si analizzassero i fatti col giusto distacco: è la manna per Viterbo perché per la prima volta è stata creata una kermesse capace di uscire dalle mura cittadine. Può diventare come il festival dei Due mondi di Spoleto (ma vi sembra poca cosa portare al Parco del Paradosso i finalisti del premio Strega?), a patto che la città collabori fattivamente alla sua crescita. E invece? E invece i gufi sono subito pronti a entrare in azione, a trovare il pelo nell’uovo, a denigrare, a sfasciare. Solo per il gusto di farlo. O perché la si vuol buttare per forza in politica.

E qui il riferimento non può che andare al padre spirituale di Caffeina, quel Filippo Rossi che – insieme ad Andrea Baffo – l’ha creata e che ad un certo punto della sua vita ha voluto provare a fare l’amministratore con il percorso che tutti conosciamo. Ora, chi scrive è al di sopra di ogni sospetto in quanto sul Filippo Rossi politico è stato tutt’altro che tenero, ma sa distinguere e distingue: quindi, Caffeina non si tocca. Su Filippo Rossi un’unica riflessione (opinione strettamente personale): avrebbe fatto bene, anzi benissimo, a continuare a fare quello che ha fatto in questi sette meravigliosi anni, senza gettarsi nella mischia. Non avrebbe creato alibi ad alcuno.

Ma Caffeina va difesa, coccolata, allevata, aiutata a crescere ancora perché può (e deve) rappresentare un futuro diverso per la città e i suoi abitanti. Caffeina non è di Filippo Rossi, ma di Viterbo. Chi non lo comprende è solo accecato dall’ira o non vede al di là del proprio naso. La città, le istituzioni, i media avrebbero il dovere di stringersi attorno a questa iniziativa ed essere “tutti d’un sentimento”, Santa Rosa permettendo.

Invece si preferisce gufare, dileggiare, irridere. Per poter tornare a sguazzare indisturbati nelle miserie che purtroppo hanno contraddistinto Viterbo nei lustri e che consentono ai gufi di galleggiare nella mota. Quella prodotta da loro stessi.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

26   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Caro Sassi,

    gufare, alla maniera del maleolente e fioritianbattistoniano big but stinky jornalist (che ora che non è più partner-sponsor di Caffeina scopre all’improvviso che non è oro bensì sterco tutto quello che luccica), non è certamente bello, ma leggere in un comunicato della famosa (solo ed esclusivamente per i viterbesi) manifestazione kulturale che alla stessa sono attesi “400 mila visitatori” (strasic!), fa venir voglia di esibirsi in una sonora pernacchia o di iscriversi immediatamente a Casapound (con buffetti e sberloni annessi e connessi).

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da