17122017Headline:

Luisa Ciambella tra anomalie ed emergenze

ciambella

Luisa Ciambella

La bomba di Esattorie con un buco da 4.270.000 euro. Conti che non tornano tanto da aver dovuto affidare a una società di revisione dei bilanci il controllo su entrate e uscite. Una polizia locale in forte carenza d’organico su cui investire. Un centro storico su cui le fazioni si dividono tra gli oltranzisti dell’auto a tutti i costi e chi vorrebbe passeggiare in santa pace. Luisa Ciambella, vicesindaco e assessore a Bilancio, patrimonio e polizia municipale, ha preso possesso da pochi giorni di una delle poltrone più scottanti di palazzo dei Priori.

Emergenza Esattorie, come state procedendo?

“Dopo Equitalia, sto incontrando diverse concessionarie per ottenere più proposte per il coattivo. Valuteremo poi l’offerta più conveniente. In ogni caso, per legge dovremo procede con gara a evidenza pubblica”.

E l’ipotesi del consorzio tra Comuni?

La riunione convocata in Prefettura con tutti i sindaci nasceva sulla scia dell’emergenza occupazionale. Ora, con la concessione della cassa integrazione siamo più tranquilli. Ci siamo presi il tempo per valutare costi e benefici dell’operazione con l’intento di incontrarci di nuovo a breve per capire se è praticabile o meno. Tutto comunque soggiace alle decisioni del Governo che sta lavorando a un consorzio tra i 4.200 comuni italiani nella nostra stessa situazione. Consorzio che utilizzerebbe software e know-how messi a disposizione da Equitalia”.

E per il recupero dei 4.270.000 euro?

“Abbiamo dato mandato al legale di partire coi decreti ingiuntivi perché Esattorie Spa ha presentato il concordato fallimentare. Resta il fatto che la situazione è stata sottovalutata e mal gestita dalla giunta Marini. Non dovevamo arrivare a questo punto. La scelta di tutelare ente e contribuenti doveva essere fatta prima. Se ci saranno rilievi di altra natura sarà il nostro legale a dircelo”.

Quanto ha influito secondo lei nella gestione della vicenda Esattorie la prossimità del voto per le amministrative?

“Decisamente non è stata ininfluente. Un ruolo lo ha giocato di sicuro”.

I conti del Comune come stanno?

“Da una prima sommaria valutazione, abbiamo riscontrato delle anomalie. Tanto che al fine di tutelarci abbiamo deciso di dare un incarico a una società di certificazione di bilanci affinché esamini i conti del Comune e delle partecipate, a tutela di tutti. La vicenda di Esattorie e la situazione del bilancio non sono chiari. Per essere certi di avere conti sicuri da cui partire per poi presentare il bilancio di previsione entro settembre, al massimo ottobre, abbiamo dovuto agire in questo modo”.

Cosa avete notato che non va?

“Ci sono le relazioni dei revisori dei conti mai completamente positive e altre anomalie. Ma al momento non posso dire altro”.

Tra le sue deleghe c’è anche quella per i vigili urbani?

“Sì, e li abbiamo già incontrati col sindaco Michelini. La polizia municipale è la trincea del Comune, sono gli agenti rappresentano per primi la città agli occhi di chi viene da fuori. Sono un’icona della città. Non li vedo solo come quelli che comminano multe. Per me devono partecipare alla rieducazione e informazione di persone e turisti. Non hanno una mera funzione di fare cassa”.

E la carenza di personale?

“C’è ed è pesante. Per questo ho chiesto al dirigente del personale una relazione per capire come vengono usati i lavoratori e se c’è la possibilità di rendere più efficienti i servizi. Faccio un esempio: il progetto per la sicurezza notturna ancora non è stato approvato e ci sono difficoltà per coprire i turni estivi. Noi siamo determinati a finanziare il progetto con incentivi a chi fa i turni di notte fino a dopo Santa Rosa, per avere almeno una pattuglia, ma puntiamo a due, che girino per la città. Lunedì mattina cercheremo di trovare i fondi per coprirlo. Le ristrettezze sono tante ma valuteremo come affrontare la questione di creare posti nuovi”.

E sulla chiusura del centro storico qual è la sua posizione?

“Abbiamo modificato l’ordinanza di Marini la quale per il periodo di Caffeina recitava che all’occorrenza via san Lorenzo e via cardinal La Fontaine potevano essere eccezionalmente chiuse. Noi l’abbiamo ribaltata stabilendo che fino al 7 luglio siano eccezionalmente aperte e vorremmo prolungarla fino a dopo Santa Rosa. Inoltre, intendiamo chiudere le due arterie al traffico ogni venerdì e sabato, forse pure domenica, a seconda del flusso di persone che riscontreremo. Ma prima di rendere esecutiva la materia ci confronteremo con abitanti e commercianti per capire le varie posizioni”.

Quindi chiusura solo il fine settimana e non tutti i giorni?

“Con l’assessore Ricci e il sindaco ci incontreremo per capire come muoverci, ma solo dopo aver ascoltato i cittadini e gli esercenti. Sono convinta che la chiusura a prescindere non paga, anzi potrebbe pregiudicare i commercianti. Un conto è l’opera di rivitalizzazione del centro storico favorendo la possibilità di creare attività e agevolare il parcheggio, un altro chiudere e basta. Quindi va bene estendere la chiusura ma va fatto in modo ragionato e condiviso”.

Avete reiterato l’ordinanza anti-alcolici, ma alcuni la criticano..

“E’ a tutela del cittadino che vuole godere del centro storico fino a tarda notte. Il provvedimento è adottato sulla scia delle indicazioni del comitato provinciale sulla sicurezza. Lo scopo è garantire a chi passeggia per strade e piazze di non essere infastiditi da persone ubriache. Non significa che non si potrà bere ma solo che non sarà possibile andare in giro con la bottiglia e quindi nemmeno tirarla addosso a qualcuno”.

 

 

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

24   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Grandi perle del Peppe Bucia pensiero. Evvai Lisè!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da