21102017Headline:

Provincia, domani può essere il giorno buono?

Francesco Bigiotti (Udc)

Francesco Bigiotti (Udc)

Prima doveva essere venerdì scorso. Poi lunedì. Adesso giovedì. Anche se stasera, alle 21 su Raitre, va in onda la puntata di Chi l’ha visto e pare che potrebbero esserci novità sul caso della scomparsa del presidente Marcello Meroi, che da giorni ormai rimanda la resa dei conti, oltre a non rispondere alle telefonate dei cronisti (che poi sarebbe il problema minore).

La soluzione della mezza crisi in Provincia, naturalmente mediante rimpasto, slitta che è un piacere. A patto che non slitti “dopo Santa Rosa”, come comincia a insinuare qualche linguaccia biforcuta dalle parti di palazzo Gentili. E invece per domani, giovedì appunto, il presidente Meroi ha convocato le parti della sua maggioranza per definire le mosse da fare sulla scacchiera della Giunta. E detto che il Pdl, dopo essersi riunito l’altra sera, ha fatto sapere di essere “disponibile a rivedere le deleghe senza avanzare pretese”, come previsto, i nodi restano avvinghiati intorno agli altri compagni di banco della maggioranza, vale a dire Fratelli d’Italia (che la mezza crisi l’aveva scatenata, giorni fa, con le dimissioni dell’assessore Bianchini e del presidente del consiglio Camilli) e l’Udc (che aveva fornito il casus belli con la staffetta prevista e ora congelata tra Santucci e Barbieri).

Dopo giorni di incontri, rinvii (tanti rinvii) e mediazioni, ecco che è arrivato il momento di decidere. Tanto più che lo stesso Meroi aveva scandito “se non si trova un accordo ci penserò io”. Ecco allora che il presidente ieri mattina ha chiamato le parti in causa, convocandole per domani, pure se non si può escludere qualche contatto preliminare già oggi, quando è previsto che si riunisca la commissione Bilancio.

Impossibile capire quale sarà la base di partenza della trattativa. Eravamo rimasti all’idea studiata dallo stesso Meroi: due assessori a Fratelli d’Italia (ne avevano uno, prime delle dimissioni di Bianchini), due all’Udc (ne avevano tre) con la presidenza del consiglio. Presidenza che comunque non deve poi passare al voto del consiglio comunale, e che in teoria si presterebbe ad agguati da parte della stessa maggioranza, così come ad eventuali soccorsi della minoranza.

Dall’Udc vanno morbidi: “Da parte nostra attendiamo con serenità che il presidente ci formuli la sua proposta – dice il capogruppo Francesco Bigiotti – Con la massima disponibilità e senza mettere paletti particolari. Poi, una volta in possesso di tutti gli elementi, decideremo sempre con serenità”. E non è detto che non si possa tornare a discutere di deleghe, dell’avvicendamento Santucci – Barbieri e sulla ridistribuzione delle deleghe.

Antonio Fracassini (Fratelli d'Italia)

Antonio Fracassini (Fratelli d’Italia)

Fratelli d’Italia, invece, scalpitano. Hanno affidato la gestione della faccenda a Mauro Rotelli, “per avere una voce unica”, e chiedere più partecipazione. “Fermo restando che il tempo passa e che il rischio è fare come in Comune – fa notare dall’alto della sua esperienza il consigliere Antonio Fracassini -, negli ultimi mesi dell’amministrazione Marini, con quell’immobilismo che poi abbiamo pagato alle urne. Le Province non vanno abolite, ma debbono lavorare, fare, decidere e intervenire. E di tempo, a questa legislatura che scade nel 2015, è rimasto poco”. Per non parlare delle elezioni amministrative che nel 2014 riguarderanno 27 Comuni della Tuscia, e alle quali il centrodestra non può rischiare un’altra batosta. Fracassini, chiamato in causa anche nel consueto giochino del totoassessori, liquida così la storia: “I nomi, e le poltrone, sono le ultime cose che contano. La questione, ripeto, è quella di accelerare i tempi e di rimetterci a pedalare in vista dell’ultimo chilometro”.

Messaggio, anzi messaggi, lanciati. Al presidente Meroi il compito di indovinare l’assist giusto. Altrimenti, magari, ci penserà Federicona Sciarelli.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

288   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Meroi chi?

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da