21092017Headline:

Morosità, Fedele sceglie la linea dura

Marco Fedele

Marco Fedele

Talete sceglie la linea dura: chi non è in regola coi pagamenti, resterà a secco. Lo annuncerà oggi in conferenza stampa Marco Fedele, il presidente della società pubblica incaricata della gestione del servizio idrico integrato nell’Ato 1 Lazio Nord. Chi non ha saldato le bollette, avrà il rubinetto chiuso. Non solo: Fedele mostrerà pubblicamente le buste paga sue e dei membri del consiglio di amministrazione. “A chi dice che bisogna tagliare i costi, rispondo: un consigliere prende 400 euro al mese, vi sembra eccessivo?”, chiosa il presidente della spa.

Il nodo è semplice: chi non paga è stato avvertito della possibilità di rateizzare il debito accumulato. Ma se nemmeno con le buone Talete dovesse riuscire a rientrare dei circa tre milioni di euro di bollette non saldate, allora procederebbe sulla strada dei distacchi. Ma a onor di cronaca c’è da specificare un dettaglio affatto indifferente: se una percentuale di morosità è sempre stata fisiologica, le cifre sono schizzate all’insù da gennaio. Da quando, cioè, l’emergenza arsenico è esplosa, con lo strascico delle ordinanze di non potabilità.

E’ da allora che i cittadini del Viterbese hanno cominciato a non pagare per un’acqua non utilizzabile per bere, cucinare e in alcuni casi nemmeno per lavarsi. “In alcuni Comuni – rivela Fedele – abbiamo toccato punte del 46 per cento di insolvenza. Non a Viterbo, dove la percentuale è più bassa. Siamo passati da una morosità del dieci per cento fino al 2012, al 44 per cento di media. Su un totale di bollette pari a sei milioni e 200mila euro, l’incasso di Talete è fermo al 56 per cento, ovvero tre milioni e mezzo circa. E comunque il problema si è impennato con la fatturazione di aprile, la prima del 2013 e riferita al trimestre che va da gennaio a marzo”.

Fedele questa mattina incontrerà la stampa per dare dei chiarimenti. “Non vogliamo passare per quelli che assetano i cittadini. Quando una persona è morosa – spiega – non le viene subito staccata l’utenza. Si procede con i solleciti e diamo la possibilità di rateizzare. Ma il servizio va pagato, come continua a fare la maggioranza dei cittadini. Per onore di trasparenza, diffonderò i dati dei morosi comune per comune così che tutti possano avere contezza dell’importanza del fenomeno”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

22   Commenti

  1. enrico cesarini scrive:

    Ma questo Fedele non si chiede come mai i “morosi” siano passati al 44% da gennaio? La gente sig. Fedele l’acqua la vuole bere e ci vuole cucinare non solo farsi il bidet! Se ci si può fare solo il bidet si paga in proporzione, o no? Distribuite veleno e volete che venga pagato come acqua pura della miglior qualità. Vergognatevi , i “morosi” siete voi per un servizio che non date ma che volte pagato caro.

  2. Giorgio Molino scrive:

    Sarebbe interessante sapere l’indennità che, in qualità di presidente della Talete (carrozzone inefficiente e gonfio di dipendenti-clientes pagato con i soldi dei cittadini), si mette in tasca a fine mese questo preclaro principe del foro sempre fresco di parrucchiere.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da