22112017Headline:

Sant’Isidoro, vino da tre generazioni

Antonio e Giovanni Palombi con Carlo Zucchetti

Antonio e Giovanni Palombi con Carlo Zucchetti

È bella Tarquinia, nonostante le case moderne fuori dal centro storico. Grazie alla sua posizione rialzata continua a dominare il territorio e mantiene intatto il fascino del suo aspetto medievale. E il legame con la Maremma, con le sue terre è quello che sottolinea anche Giovanni Palombi che incontriamo nella Tenuta Sant’Isidoro, confermando il pensiero dell’enologo dell’azienda Riccardo Cotarella che nel 2009 affermava: «Il litorale e l’entroterra laziale non hanno nulla da invidiare in quanto a clima e terreno a quello toscano di Bolgheri e Castagneto Carducci, però a mancare sono gli interpreti, i produttori “vocati” alla qualità».

Il rapporto della Tenuta Sant’Isidoro con la famiglia Palombi nasce alla fine degli anni ’30 con Nino (Giovanni) Palombi. L’agricoltura è quella tradizionale, grandi estensioni di seminativo, pastorizia e prodotti ortofrutticoli. Nel Dopoguerra, in azienda, anche per cercare di dare lavoro a chi usciva da un periodo devastante, si decide di impiantare 40 ettari di uva da tavola. Lo scasso viene fatto  a mano, il prodotto alimenterà i mercati del Nord Europa.  Giovanni sintetizza efficacemente in un’immagine l’agricoltura dell’epoca: “A mio nonno bastava un quadernino dove appuntare le cose da fare o ricordare, per il resto era lavoro sul campo”.  Poi l’azienda passa al figlio di Nino, Emidio.  In suo onore è stato fatto il vino Soremidio, fiore all’occhiello della Tenuta Sant’Isidoro che, in una recente degustazione a Volterra, ha ricevuto gli apprezzamenti del giornalista enogastronomo Pardini ed è presente, da anni, sulle migliori guide dedicate al vino, sempre con ottimi punteggi.

Negli anni ‘70-80, in un periodo complesso per l’agricoltura italiana, Emidio Palombi, perito agrario, sceglie, suo malgrado, di lavorare sulla quantità conferendo alle cooperative sociali, all’epoca improntate alle alte rese, o vendendo il prodotto sfuso. Se da un lato la sua naturale spinta verso la qualità rimane momentaneamente frustrata, dall’altro Sor Emidio riesce a modernizzare l’azienda e a preparare il terreno per un approccio più innovativo e avanzato che si compirà da lì a qualche anno.  Il contributo di Aldo Spada, cognato e agronomo, è fondamentale in questa fase. Ancora oggi la Tenuta Sant’Isidoro si avvale delle sue preziose indicazioni e della profonda conoscenza del territorio e della sua storia. E così, nel passaggio alla terza generazione Palombi si colloca l’ulteriore evoluzione della Tenuta Sant’Isidoro.  Si decide di puntare sulla qualità. L’incontro con Riccardo Cotarella e il confronto, lo studio con realtà già avviate come la Marchesi Antinori, fanno il resto.

Carlo Zucchetti rivendica l’iniziazione al vino e al buon bere di Giovanni avvenuta grazie  alle degustazioni e alle bevute all’Enoteca La Torre. La conversazione fra Carlo e Giovanni si inoltra in un dibattito sui metodi di potatura, sul diverso allevamento per i vari vitigni, il diradamento, la scacchiatura.

Giovanni ha un’intelligenza lucida e un pragmatismo naturalmente alimentato dalla pratica agricola.  Con il suo modo di muoversi domina lo spazio con solare sicurezza tradendo un carattere aperto, generoso e concreto che negli occhi chiarissimi e vivaci trova la sua massima espressione. Il discorso si sposta sulle esportazioni, la Tenuta Sant’Isidoro vende il 70% del vino soprattutto in Svizzera, Nord Europa e Giappone.  “La Tenuta Sant’Isidoro – dice Carlo Zucchetti – ha ormai conquistato un posto riconosciuto dal mondo del vino, e sul vostro esempio Tarquinia  ha visto nascere e svilupparsi negli ultimi anni altre aziende con ottime potenzialità. Si delinea in maniera sempre più chiara la possibilità di far crescere e investire su una vitivinicoltura di qualità in questa zona e il merito è anche vostro che avete saputo cogliere e mettere a frutto le caratteristiche di un terreno e di un clima adatti a questi fini”.

Lasciando trasparire il profondo legame con la propria terra, Giovanni risponde: “Ho sempre pensato a questa come  a una terra d’eccellenza con una grande varietà di suoli da quelli collinari calcarei, in alcuni casi argillosi, a quelli alluvionali, sabbiosi e argillosi vicini al mare. Le caratteristiche pedoclimatiche sono secondo me adatte, ma la viticoltura ha bisogno di investimenti a medio-lungo termine. Alla base c’è un discorso culturale, qui la cultura del vino si è persa, bisogna lavorare prima in questo senso, ricreare un’attenzione sul vino in questa zona”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da