18122017Headline:

Fontana di Piano e un buco troppo largo

L'acqua che cola dal buco nella vasca

L’acqua che cola dal buco nella vasca

L’aveva già distrutta un papa, ma allora c’era il Medioevo. Adesso siamo oltre il Duemila, ma la barbarie non è finita, o almeno così sembra. Fontana di Piano, nel cuore di Pianoscarano, una delle più belle e significative della città, perde. Perde acqua. C’è un buco nel lastrone di peperino che forma la vasca. L’acqua cola lungo la piazza. In una città che ha fatto un pandemonio per una pedana che appoggiava delicatamente su Fontana delle Erbe, be’, questa dovrebbe essere una notizia bomba. Dovrebbe.

La domanda successiva è: perché perde? Gli abitanti della zona dicono che quel buco già c’era, ma era piccolo, e le perdite erano limitatissime. Questo fino a qualche giorno fa. Quando una truppa di “cittadini volenterosi” hanno avuto la bella pensata di ripulirla, seguendo l’ultima moda cittadina: quella del volontariato gratuito, non richiesto, e soprattutto non specializzato. Già, perché giurano gli stessi abitanti che per ripulire la fontana, in questa circostanza, siano stati usati mezzi non proprio eccezionali: scope e scopettoni. Senza dimenticare che per fare operazioni così delicate, per mettere le mani su un monumento che ha ottocento anni di vita (l’attuale fontana risale al 1376, e tra un po’  ne ricorderemo la storia), servirebbe un minimo di competenza tecnica. Per diventare restauratori servono anni di studio e di tirocinio sul campo, insomma, a meno che uno non voglia fare il restauratore della domenica. Come in questo caso. E va bene che lo spirito di iniziativa va sempre lodato, va bene la buona volontà, va bene tutto, ma si possono trovare modi migliori per dimostrare l’amore per la città.

Dunque, il buchetto che già esisteva è diventato un bucone. Magari perché qualcuno ci ha passato sopra con troppa forza una scopa, una ramazza, uno spazzolone, rimuovendo così lo stucco che ne limitava le perdite, o togliendo quel provvidenziale strato di melma o sporco – accumulatosi negli anni – che fungeva da tappo naturale. E pensare che c’erano persone che si erano prese a cuore la Fontana di Piano, e che stavano studiando – con calma e con giudizio – dei progetti seri e specialistici per riportarla all’antico splendore…

Un particolare del lastrone di peperino danneggiato

Un particolare del lastrone di peperino danneggiato

Già, Fontana di Piano. Antica, molto antica, fonte potabile per gli abitanti del rione di Pianoscarano,  quando l’acqua corrente nelle case non era neanche immaginabile. Dunque preziosa. Dunque difesa con le unghie e coi denti dagli abitanti del borgo: gente tosta, orgogliosa, piascaranesi di una volta. Ecco perché una donna si oppose a dei servi di un cardinale, che nel 1376 volevano lavare dentro la fontana un cagnolino del padrone. In città c’era papa, Urbano V, e il cardinale faceva parte della sua corte, di ritorno da Avignone. Alla donna fiera che protestava, si opposero gli uomini del prelato. Ne nacque una discussione, poi una rissa, poi una rivolta che si estese presto al resto della città. Truppe papaline contro viterbesi. La ribellione durò poco, e arrivò la repressione durissima, condotta dalle truppe pontificie senza pietà: molti furono gli arrestati, dieci i giustiziati mediante impiccagione. Fontana di Piano fu distrutta, come ultima terribile rappresaglia. Ma i piascaranesi la ricostruirono presto, e più bella e maestosa. E’ quella che vediamo oggi, e che perde acqua da quel buco.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

23   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Esiziali questi volontari, fanno più danni che altro. Qui ci vogliono i supereroi vivaviterbicoli Superpippo e Superbarelli!

  2. Lucio Matteù scrive:

    Vorrei che notaste il muschio su quel foro… Quel foro risale ad almeno 15 anni fa. Il muschio non viene dopo 4 giorni dal nostro lavoro…. il commendator Ciorba aveva tentato in mille modi di otturarlo… Ho le foto di prima e di dopo l’intervento dei volontari.. se volete vi metto a disposizione tutto.. Noi poi non facciamo restauri.. non tocchiamo il peperino con arnesi meccanici.. noi ci limitiamo a pulire “(e coccolare)” una cosa che è un bene di tutti.. Essere attaccati per aver fatto i fatti è carino.. Ma fa sorridere che non viene attaccato chi fa le chiacchiere e lascia la nostra storia nella totale incuria..

  3. mauro mondini scrive:

    L’autore di questo articolo è ignorante o disinformato e sapendo di esserlo non si firma I buchi perche più di uno, esistono da anni e lasciano fuoriuscire un pò di acqua quando si da una pulita (rarissimamente)con scopa o ramazza Il riformarsi di alghe e muschi richiudono quasi totalmente dette crepe nel peperino Non scomodiamo scuole di restauro per mettere un pò di resina Basterebbe un pò di buona volontà e la voglia da chi di dovere di farlo Poi se c’è qualcuno che sta studiando la fontana con calma e giudizio pensando a progetti seri da specialista colga l’occasione al volo ed acceleri il tutto Magari per iniziare cominci a darsi da fare a far rimettere le aiuole in peperino che delimitando la fontana impedivano alle auto di parcheggiare e salire addirittura sui gradini Oltre a tanti scienziati che studiano sempre c’è bisogno anche di olio di gomito di gente che gratuitamente si mette a disposizione cercando di migliorare questa città abbandonata da anni A questa gente la comunità viterbese deve dire solo grazie

  4. Alepianoscarano scrive:

    Se non sapete le cose non parlate ! Quella è quasi un anno che è ridotta quel modo …. non l’hanno rotta i volontari come volete far credere, loro hanno solo pulito ! Sarebbe da ammirarli piuttosto|

  5. Giorgio Molino scrive:

    Bella prosopopea i supermen della scopata! Sfortunatamente per loro, ci ricordiamo quando, qui e altrove, esaltavano i cialtroneschi e arrivisti leader (si scrive leader e si legge lader) vivaviterbicoli. Un po’ di silenzio non guasterebbe.

  6. Filippo Maria Cardoni scrive:

    “L’autore di questo articolo è ignorante o disinformato e sapendo di esserlo non si firma”……ma cosa dici,la firma è ben visibile sotto il titolo centrale,poi ignorante non credo proprio;magari si, potrà essere disinformato!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da