23092017Headline:

Il Festival Barocco trasloca a Tuscania

Nuovo appuntamento con il Festival Barocco questa sera (ore 21) a Tuscania (chiesa di Santa Maria della Rosa): in scena “Lieve Zefiro”, ad opera del Cenacolo Musicale, eseguito da Donatello Busetto, Francesca Biliotti e Gioele Gusberti con musiche di Vivaldi, Marcello e Platti.

Meraviglia e stupore. Caleidoscopici affetti e virtuosismo tecnico. Sottile introspezione e tessuto poetico. Nessun genere musicale nell’ampio repertorio barocco è riuscito a coniugare in un’unica breve forma tanti elementi espressivi con altrettanta forza e precisione quanto il genere della Cantata italiana. Nella Venezia del primo settecento, già volta al declino, Antonio Vivaldi e Benedetto Marcello si contendono pubblico e fama. Il manoscritto di “Lieve Zefiro” si trova in una raccolta di cantate conservata presso la Biblioteca Marciana; il testo si può considerare opera dello stesso Marcello, che amava distinguersi da Vivaldi anche per la sua appartenenza all’Arcadia e per la sua dotta formazione letteraria.

Cenacolo Musicale, gruppo vocale e strumentale di musica antica matrice storica dell’Associazione Barocco Europeo, nasce nel 1993 per iniziativa della clavicembalista Donatella Busetto e dalla collaborazione di alcuni musicisti e studiosi che condividono preparazione professionale, attività concertistica e interesse per il repertorio barocco. Donatella Busetto ha realizzato, all’interno del peculiare contesto artistico di Cenacolo Musicale, un’incisione discografica per l’etichetta Rainbow, dedicata alla musica sacra italiana tra ‘500 e ‘700 ed alcuni importanti progetti, sempre partendo dall’intenzione di un recupero di patrimoni musicali particolari e “nascosti”. Il repertorio del gruppo spazia tra musica strumentale e cantate sacre e profane di autori del XVII e XVIII secolo. Per maggiori informazioni: www.barocco-europeo.org e www.festivalbarocco.com.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da