14122018Headline:

Opera festival: La bella addormentata

Di nuovo grande danza al Tuscia Operafestival con “La bella addormentata”, in scena stasera in piazza San Lorenzo (ore 21). Sul palco il Balletto del Sud, che ripresenta un grande titolo del suo repertorio con le coreografie di Fredy Franzutti sulle note di Piotr Il’ic Caikovskij e scene di Francesco Palma. Per la leggibilità della drammaturgia, per l’efficacia dell’ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi, lo spettacolo (balletto in un prologo e tre atti) ha raccolto, sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione di pubblico, ed è stato ampiamente lodato dalla critica.

“La bella addormentata” ha una lontana origine italiana e fu scritta nel ‘500 da Giambattista Basile nella raccolta “Lo cunto de li cunti”, in cui narra di una principessa addormentata per incantesimo nel meridione dell’Italia. Al racconto di Basile si è ispirato più tardi Charles Perrault per una versione più edulcorata e borghese. Da qui l’idea di Franzutti, uno dei coreografi più noti nel panorama nazionale, di riportare nel sud del paese le disavventure della bella principessa Aurora. Gli assieme dei danzatori nella brillante realizzazione delle scene più festose e l’accurata esecuzione dei protagonisti hanno contribuito al successo dello spettacolo.

Per i biglietti, il box office in via San Lorenzo 101 (all’entrata del festival) è aperto tutti i giorni a partire dalle ore 17. Durante il giorno i biglietti si possono acquistare anche all’Ufficio Turistico in via Ascenzi o al negozio Underground in via della Palazzina negli orari di apertura. Per informazioni: tel. 340.0880077 – www.tusciaoperafestival.com.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da