23092017Headline:

Tarquinia, concerto a S. Maria in Castello

“Etruria Musica Festival” e “Notturni – Tra le vie della musica” collaborano per proporre un imperdibile concerto (ingresso libero).

Il sagrato della chiesa di Santa Maria in Castello, questa sera, dalle ore 22, sarà il suggestivo palcoscenico dell’esibizione dell’ensemble Dialogus de Musica. La formazione composta da Silvia Scozzi, voce, Antonio Addamiano, flauti dritti, Luigi Polsini, viola da gamba, Simone Colavecchi, tiorba e chitarra barocca, e Paolo Murittu, percussioni, presenterà Tarantelle, arie e passacaglie, un programma di brani vocali e strumentali dal repertorio cinquecentesco e seicentesco di Girolamo Frescobaldi, Atanasio Kircher, Claudio Monteverdi, Barbara Strozzi, Foriano Pico, Alessandro Piccinini e Johannes Hieronymus Kapsberger. La formazione eseguirà anche pezzi tradizionali pugliesi antichi.

«Abbiamo deciso di unire per una sera le due manifestazioni, perché propongono generi musicali che trovano nel centro storico di Tarquinia la cornice ideale. – dichiara l’assessore allo Spettacolo Sandro Celli – Un’esperienza che pensiamo di ripetere anche in futuro, per far crescere in qualità “Etruria Musica Festival” e “Notturni – Tra le vie della musicale”».

«Il concerto è dedicato ad alcuni generi musicali in voga nel nostro Paese nel 1600. – spiega il direttore artistico di “Etruria Musica Festival” Andrea Brunori – I compositori di queste opere sono quasi tutti dell’Italia centro-meridionale, a eccezione della veneziana Barbara Strozzi, del cremonese Claudio Monteverdi, del ferrarese Girolamo Frescobaldi e dei tedeschi Johannes Hieronymus Kapsberger e Athanasius Kircher».

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da