23092017Headline:

Anche Caprarola aderisce a “scarpe rosse”

Insieme a Ronciglione e Vitorchiano, anche Caprarola aderisce all’iniziativa “Scarpe rosse contro il femminicidio”. L’evento di sensibilizzazione contro la violenza di genere è stato promosso dal Comune di San Gimignano (Siena) e si propone di raccogliere quante più scarpe rosse possibile che saranno immortalate dal fotografo Duccio Nacci presso il Duomo della cittadina toscana, richiamando simbolicamente le numerose uccisioni di donne che ogni giorno avvengono in Italia e in tutto il mondo. “Scarpe rosse contro il femminicidio” ha trovato una vasta eco in tutta Italia. Il Comune di Caprarola, guidato dal sindaco Eugenio Stelliferi, non è stato da meno e su impulso dell’assessore alla Cultura Simone Olmati, impegnato a livello personale e politico anche su importanti tematiche sociali, ha deciso di aderire idealmente e concretamente all’iniziativa.

“Non possiamo più ignorare questa continua e silenziosa violenza, così come non si può ridurre un fenomeno sociale preoccupante ad una banale sequenza di omicidi da cronaca nera. In questo modo si corre il rischio di abituarsi a ciò che sembra inevitabile. Il recente intervento del Parlamento e l’inasprimento delle pene sono azioni necessarie ma non sufficienti. Serve un cambiamento di paradigma nella visione dei rapporti tra donne e uomini e la consapevolezza che le categorie e i ruoli nella società sono cambiati. Solo con una visione ampia del fenomeno possiamo trovare gli strumenti più adeguati per combatterlo”. Queste le parole dell’assessore Simone Olmati che invita tutti i cittadini in possesso di un paio di scarpe rosse inutilizzate a recarsi allo sportello sito presso la sede comunale in Via Filippo Nicolai, in orario di apertura, e donarle al personale presente il quale provvederà alla spedizione delle calzature al Comune di San Gimignano entro il 19 settembre 2013.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da