21092017Headline:

I ristoratori: “Festa in tono minore”

La fiera: evento portante della festa di S. Rosa

La fiera: evento portante della festa di S. Rosa

”E’ stata una Santa Rosa in tono minore”. I ristoratori viterbesi del centro storico non sono soddisfatti del loro 3 settembre e il bilancio che tracciano è negativo: non è più il tempo delle vacche grasse, di turisti che prenotavano con settimane d’anticipo per gustare i piatti tipici viterbesi dopo aver ammirato il passaggio della Macchina di Santa Rosa. La crisi si fa sentire e chi può risparmia. Quest’anno,  quello del trasporto è stato un giorno infrasettimanale (un martedì) e ha scoraggiato molti forestieri, dal momento che il giorno successivo per tanti era lavorativo. Quando si parla di presenze al ristorante i titolari provano ad abbozzare un sorriso, ma non sono poi tanto convinti. Lavorano, ma potrebbero fare molto meglio. Fanno spallucce e si rimboccano le maniche sperando in altri chiari di luna.

Viterbopost.it ha fatto un’indagine per capire il trend del 3 settembre e se ci sono differenze rispetto ad altri periodi dell’anno. Cinque i locali ”analizzati”, tutti situati lungo o nelle immediate vicinanze del percorso di Fiore del Cielo: Tre Re in via Macel Gattesco, Taverna degli Etruschi in via Annio, La Pentolaccia in via delle Fabbriche, Tredici gradi in via Cardinal La Fontaine, la Chimera in via Della volta buia. Ne è emerso uno spaccato che serve comunque a prendere coscienza che l’evento del Trasporto va gestito diversamente per far confluire più presenze anche nei ristoranti, quindi più turisti, ma anche più viterbesi.

Una serata decisamente negativa per i Tre Re: ”Per me il 3 settembre è sempre in perdita – dice la titolare Eleonora Andrea -. Di anno in anno le presenze sono sempre minori. La posizione del mio ristorante non aiuta essendo ubicato in una via di fuga ed è un problema riuscire a fare vedere il passaggio della Macchina ai clienti. Tuttavia negli anni passati durante l’amministrazione Marini era il sindaco stesso che ci chiedeva di ospitare i turisti per permettere loro di godere lo spettacolo della Macchina di Santa Rosa. Quest’anno è andata diversamente: dopo il passaggio ho preso solo due clienti viterbesi. A questo punto spero che il 3 settembre capiti di giovedì, il nostro giorno di chiusura, almeno evitiamo qualsiasi tipo di problema”.

E’ stato un giorno come un altro per il titolare della Pentolaccia: ”Se ci fosse stata più gente, sarebbe andata meglio. Quest’anno ci ha penalizzato il giorno infrasettimanale, ma è stata una serata in tono minore. Non ci sono più i romani che prenotavano in largo anticipo e la serata del 3 ho avuto più clienti viterbesi che turisti”.

E’ più articolata l’analisi del titolare della Taverna Etrusca: ”A mio avviso è necessario capire che il cliente che viene a vedere il Trasporto resta fino al passaggio poi va via, non ha più interesse e vede il ristorante come un servizio utile a dargli la possibilità di osservare la Macchina. Chi viene a mangiare lo fa in modo rapido. E’ ovvio che chi ha una clientela fissa in una serata del genere non la vedrà mai. In tutti i casi è stata una serata sotto le aspettative”.

Chi è soddisfatto del ”suo” 3 settembre è Paolo, titolare della Chimera: ”Quest’anno è andata meglio, abbiamo avuto più turisti che viterbesi. Abbiamo ospitato svizzeri e americani che erano venuti a Viterbo proprio per la Macchina. Noi possiamo sfruttare il binomio con il nostro bed and breakfast Palazzo Riario. Sicuramente si è lavorato di più rispetto ad altri periodi dell’anno”.

Sfortunato il Tredici gradi, ubicato in via Cardinale La Fontaine, zona di passaggio delle auto di servizio che portano gli ospiti a Palazzo dei Priori e in Prefettura. Il proprietario fa buon viso a cattivo gioco: ”Solitamente non mi lamento e non voglio farlo in questa occasione. Quando ci sono ospiti come il presidente del consiglio la via è chiusa per motivi di sicurezza proprio all’ora di cena e per noi è impossibile lavorare. Però lo accetto perché Santa Rosa è una vetrina per la città. Certo se ce lo avessero detto prima ci saremmo organizzati diversamente. Ma mi consolo lo stesso – conclude – in questi giorni sto facendo il pieno di turisti”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

14   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Tranquilli, grazie ai superpoteri di Super Filippo Rossi da Trieste e Super Barelli la prossima Santa Rosa guadagnerete una barcata di soldi.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da