22112017Headline:

“Non sono qui per vendere, ma per regalare”

Paccottiglia e cianfrusaglie a via Matteotti

Paccottiglia e cianfrusaglie a via Matteotti

Alla fiera dell’Est/ Per due euro / Un calzettone mio padre comprò. E che ci perdoni, il sommo Branduardi, per aver insozzato il suo capolavoro. Ha suonato a Ferento appena qualche settimana fa: capirà. Però, sulla fiera di Santa Rosa e i calzettoni bisognerebbe scavare a fondo: sono loro, i venditori di calzettoni di spugna, i grandi protagonisti di questa edizione. Sono ovunque, sono insistenti, bene addestrati, delle macchine da guerra rigorosamente made in Napoli. Avranno fatto un pullman, per venire su, forse di più: li trovi dappertutto, da viale Trento – dove in teoria la fiera non ci dovrebbe essere – alla storica via Cairoli, dove un tempo c’erano quelle bellissime bancarelle di materiale in vimini, ora sparite. Si metteno in cinque, in sei, lunga lo via, e fanno blocco: “Signo’, accattateve o’ calzettone”. No, grazie. “Guardi quanto sono fatti bene, resistenti, comodi. Nu babbà”. No, per favore: al calzino in spugna perferisco la fustigazione. “Essù, signora bella”. Ho detto di no, adesso vi denuncio per stalking. Solo allora si ritirano in buon’ordine, e cercano un’altra perda.

Tolti gli spacciatori di calzettoni, la fiera perde tutto il suo fascino. Cioé, torna ad essere quella roba brutta, sporca e cattiva. Almeno per la maggior parte. Un immenso mercato a cielo aperto, senza regole né criteri, Un blob , il fluido che uccide la città, e la intasa, e la sporca e la impuzzolisce, in un giorno – il 4 settembre – che dovrebbe essere di festa, o di preghiera, o di pranzi in famiglia e lunghe passeggiate digestive tra le vie del centro storico, di aperitivi che non finiscono mai. E invece no: l’idea intelligente di spostare la fiera alla prima domenica utile dopo il 4, è stata provata per qualche anno e poi cancellata senza dare spiegazioni convincenti.

Lo storico anguillaro a via della Cava

Lo storico anguillaro a via della Cava

E allora, se la fiera deve essere questa, godetevela pure. Si fa per dire. Godetevi i pannocchiari, una setta antichissima e potentissima che abbrustolisce granturco agli angoli delle strade, con norme igieniche molto discutibili, anzi assenti, e te le vende per euro 3 (il duecento per cento di guadagno sul costo, ad occhio: probabilmente sono già miliardari). Godetevi gli incantatori di serpenti che vendono griglie miracolose e affettaortaggi affilatissimi, microfono in  bocca, e va a finire che c’è sempre una signora Pina che si innamora di loro. Godetevi le piadinerie, le paninerie e le friggitorie atterrate nelle piazze, come grandi astronavi aliene, con l’obiettivo di distruggere l’umanità a colpi di colesterolo. Godetevi i bengalesi, poverini, che vengono col treno da Roma e propongono di tutto, e che poi se non vendono magari prendono pure le botte dal loro pappone. Godetevi i prodotti “tipici”: salumi (umbri), aglio rosso (di Sulmona), peperoncino (calabrese). Godetevi i venditori russi di canne (da pesca, s’intende) e lucidatrici molto sospette, da 150 euro cadauna. Godetevi gli agenti che dovrebbero controllare, e che controllano prelevando al Bancomat, salutando gli amici degli amici, e guardando le tette delle ragazzine in libera uscita. Godetevela, questa fiera.

E ringraziate quello che ancora resiste. Tipo i pochi banchi storici (quello di ferramenta a piazza della Rocca, l’anguillaro di piazza della Vittoria e pochissimi altri), i porchettari di Vallerano, che Dio li benedica, e qualche nocciolinaro duro e puro. Che si degna persino di farti lo scontrino per cinque euro di pistacchi: e chi l’aveva mai visto, uno scontrino alla fiera?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

340   Commenti

  1. Laura Moneta scrive:

    Ma perchè si dovrebbe spostare la fiera al 4, se il 4 è IL giorno della Fiera? Non lo capirò mai… e poi perchè demonizzarla così? E’ bella proprio per la sua semplicità! Sui calzini dei napoletani però concordo in pieno…

  2. Giorgio Molino scrive:

    La fiera non è abbastanza culturale? E ora che intervengano Super Pippo e Super Barelli, i due supermen della kultura kaffeinizzata!

  3. Luigi Tozzi scrive:

    Io sono affascinato dalla semplicità della Fiera di S. Rosa, chiamata così proprio perché fa parte della Festa di S. Rosa. Quella roba contro cui vi scagliate viene venduta tutti i sabato a piazza del sacrario, ma non mi pare che ve ne facciate cruccio. La Fiera di S. Rosa è un momento tradizionale di ritrovo insieme agli altri viterbesi per rincontrarsi dopo la Festa.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da