15122017Headline:

I mal di pancia generati da Tonino

DelliIaconi

Tonino Delli Iaconi

Tonino Delli Iaconi assessore esterno a palazzo dei Priori con delega allo sviluppo economico? Ahi, ahi, ahi (come quella vecchia pubblicità del turista faidatè). Già, perché da un lato la nomina sta spaccando in due il Pd (i primi a proporlo sono stati i renziani e i fioroniani non hanno disdegnato, soprattutto per motivi pre-congressuali) non è che tra le associazioni datoriali viterbesi (Federlazio, Confartigianato, Cna, Confesercenti) si facciano salti di gioia. Anzi.

Certo, tutti sono molto abbottonati e sprizzano diplomazia da tutti i pori (l’uomo non si discute è la parola d’ordine condivisa), ma i mal di pancia ci sono, eccome. Un po’ perché – visto che si sarebbe scelto un uomo proveniente da Confindustria – c’è il sospetto che tutte le altre associazioni possano solo restare a guardare; un po’ perché quella famosa condivisione a più riprese sbandierata dal sindaco Leonardo Michelini stavolta sarebbe stata la grande assente. La notizia dell’ipotesi Tonino Delli Iaconi assessore infatti, dicono tutti di averla appresa dai mass media.

Michelini per ora si tiene sulle sue e rimanda la palla al Pd. “E’ noto – dice – che l’ottavo assessore lo deve designare il partito. Certo, la preferenza sarebbe per un interno, ma se il gruppo decidesse per una soluzione diversa, per me non ci sono problemi”. Come dire: Alvaro Ricci (che è ancora il segretario comunale del partito) pensaci tu.

Intanto dalle parti di Federlazio i mugugni ci sono. “Non metto in discussione la persona – dice un Giuseppe Crea alla ricerca di una tranquillità perduta, ma il metodo. Tonino Delli Iaconi è un uomo di grandi capacità e di tantissima esperienza, ma il problema è un altro: se Michelini voleva nominare un assessore esterno proveniente dalle forze economiche, forse sarebbe stato giusto un minimo di confronto. Che invece non c’è stato. Anche se sono convinto che l’uomo userà tutta la sua intelligenza per avere quell’equidistanza che il ruolo gli imporrebbe. Comunque sia, in questi giorni ne ho sentite tante: persino che Confindustria e Federlazio si erano messe d’accordo: niente di più falso”. Poi, alla fine, arriva anche il retropensiero: “Ho letto anche la nomina farebbe parte di un gioco politico in vista del prossimo congresso Pd. Io non ci credo, perché a pensare male si fa peccato…”.

Chi invece assume una posizione positiva è Luigia Melaragni, segretaria della Cna. “Io con Delli Iaconi ho avuto sempre un buon rapporto e una sua nomina ad assessore non mi dispiacerebbe. Certo, c’è il problema che viene da Confindustria, in passato dimostratasi in certe occasioni anche un po’ arrogante su questioni legate al denaro. Ma io credo che l’uomo avrebbe abbastanza intelligenza per superare questo piccolo handicap. Comunque sia, finora non è uscita fuori nessuna proposta alternativa. E allora la scelta mi sembra obbligata”.

Sul metodo sbagliato insiste anche Andrea de Simone, segretario di Confartigianato, dopo aver premesso anche lui che sull’uomo non si discute. “Tra l’altro – dice – Michelini aveva sempre detto che tutti i suoi assessori sarebbero stati scelti tra i consiglieri comunali. Ora c’è da registrare questo improvviso cambiamento. Dovuto a cosa? Tra l’altro mi risulta che su questa nomina il Pd si è spaccato. E allora mi piacerebbe capire qual è la logica”.

Chi tace è invece Confesercenti. “Per ora non parlo” dice Vincenzo Peparello, che si limita a definirsi perplesso. Ma annuncia tuoni e fulmini per i prossimi giorni. Staremo a vedere.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

362   Commenti

  1. Luigi Tozzi scrive:

    Avete notato che il colore della magliette di Puliamo Viterbo è lo stesso di quello della Coldiretti? Una coincidenza..ovviamente

  2. Giorgio Molino scrive:

    Perde punti Delli Iaconi, l’amico di tutti (i politici e i potenti)…

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da