23092017Headline:

Nada e il suo libro “La grande casa”

NadaLacuaria Bolsena Musica Festival – e con esso l’intero contenitore culturale Temp’Estiva – si avvia oggi alla sua conclusione, con un evento che riassume il senso complessivo di questa straordinaria esperienza di libera collaborazione tra diverse associazioni che ha animato gli spazi culturali, le vie del centro storico, i locali pubblici e il lungolago di Bolsena proponendo concerti, workshop e mostre fotografiche, proiezioni cinematografiche, presentazioni di libri, degustazioni enogastronomiche e mercatini di prodotti tipici, con attenzione alla qualità e alla sostenibilità sociale ed ambientale.

Il nome e il logo (gli ingranaggi di un orologio) intendevano comunicare il senso di una complessa macchina culturale le cui diverse componenti si muovono assieme, lungo un filo conduttore che unisce tutti gli eventi della manifestazione: il tempo come elemento decisivo in ogni arte umana, dalla musica, alla fotografia, dalla cura di sé alla coltivazione della terra.
La tempestività a cui la manifestazione si è voluta richiamare è il contrario della fretta compulsiva che invade spesso anche il tempo della vacanza estiva; ciò che si è inteso proporre è stato piuttosto l’invito ad un uso consapevole del tempo, ad esercitare la capacità di cogliere il momento opportuno, l’attimo in cui accade qualcosa di speciale.
La manifestazione non poteva concludersi in modo più congeniale con questo spirito: con l’artista più originale e indipendente della scena musicale italiana. Alle 18.30 infatti, al teatro San Francesco, Nada Malanima, presenterà il suo ultimo libro, “La Grande Casa” (Bompiani), dialogando con Simonetta Chiaretti, direttrice artistica di Lacuaria Bolsena Musica Festival.

La “Grande Casa” è la storia dell’amicizia di tre donne speciali e del destino che le ha fatte incontrare. Accanto a loro, gli altri ospiti della Grande Casa: visionari incompresi, artisti, solitari, che in quel luogo trovano finalmente se stessi sconfiggendo l’indifferenza che li aveva posti ai margini della vita sociale. Sullo sfondo di una Natura che pare ribellarsi con alluvioni, terremoti, malattie e catastrofi alla scriteriata volontà di dominio degli uomini, Nada Malanima racconta le vicende di un piccolo gruppo di personaggi indimenticabili. Insieme, essi sapranno ricostruire una convivenza diversa, fatta di passione, di sensibilità quasi medianica, di rispetto per le forze segrete del cuore nella loro corrispondenza con quelle, ancora più forti e segrete, del mondo.
Dopo la presentazione del libro di Nada, alle ore 21 saranno gli Swingfluence a chiudere il cartellone degli eventi, con l’ultimo dei Lacuaria Caffè Concerto, offerto dal ristorante La Fornacella, in via Cassia km 111. Brani celebri di musica leggera e di cantautori italiani, tutti reinterpretati dagli Swingfluence in chiavi particolarissime, colorate di swing, jazz e bossa nova, con la vocalità intensa e raffinata di Manuela Murreli, una delle espressioni più originali e significative nell’attuale panorama della musica di qualità.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da