16122017Headline:

Pecore e agnelli sbranati dai lupi

Mauro Pacifici e Andrea Renna

Mauro Pacifici e Andrea Renna

Sembrerebbe di nuovo emergenza lupi nel viterbese. A segnalare l’episodio Maurizio Biagini, socio della Coldiretti che, nel comune di Farnese, in prossimità del fiume Olpeta, nei giorni scorsi ha dovuto assistere ad uno spettacolo poco edificante, registrando l’uccisione di 24 pecore pronte al parto 10 agnellini, e  28 animali dispersi.
“I nostri agricoltori continuano a subire i danni provocati oltre che dai cinghiali anche dai lupi, come parrebbe in questo caso” afferma il direttore di Coldiretti Viterbo Andrea Renna. “Rimane fuori discussione l’importanza della salvaguardia del lupo, in quanto specie in via di estinzione, ma occorre stabilire una giusta convivenza tra la presenza dell’esemplare selvatico e l’esercizio della zootecnia, nel rispetto del lavoro degli agricoltori”.
Nel viterbese sono 1.429 gli allevamenti di ovini per un numero di capi che ammonta a 275.040 in totale. Coldiretti Viterbo chiede nuovamente che si passi a fatti concreti in relazione ai danni da fauna selvatica nella Tuscia così come nel resto della Regione Lazio.

“Dopo la nostra manifestazione di inizio agosto – sottolinea Mauro Pacifici, presidente Coldiretti Viterbo – è giunto il momento di ottenere risposte per gli imprenditori agricoli e per tutti i cittadini. Inoltre nel settore ovino torniamo a sottolineare la necessità di aprire la vertenza sul prezzo per il latte per dare dignità al settore e scongiurare ulteriori problemi al comparto che, soprattutto nella zona di Farnese risulta essere strategico e importante non solo per l’agricoltura ma anche per l’indotto”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da