23092017Headline:

Sanato (in parte) il pasticcio Proietti

maresciallo-roccaUn’onorificenza in contumacia, secondo il sempre simpatico consigliere Santucci. Un’onorificenza che senza queste polemiche ha fatto risparmiare un migliaio di euro al Comune, secondo Paolo “Il parco” Moricoli. Un’onorificenza per la quale lo stesso maresciallo Rocca dovrebbe ringraziare, “perché la fiction ha avuto successo anche grazie alla meravigliosa cornice di Viterbo”, secondo lo sciovinista Maurizio Tofani. Di certo,il conferimento della cittadinanza onoraria a Gigi Proietti è stato un parto sofferto, arrivato dopo un travaglio lungo e tutt’altro che serio.
Già, un consiglio comunale fiume, con picchi di comicità pecoreccia, battibecchi alla Processo di Biscardi (l’origggginale), e altre delizie che qui vi risparmiamo per carità di patria, salvo riservandoci il gusto di tirarli fuori prossimamente. Meglio restare sulla cronaca, ché già questa abbasta.
Dunque, la mozione del sindaco, che aveva generato qualche maldipancia mercoledì, è stata votata all’unaminità. Senza essere passata in commissione – cosa di cui si era pubblicamente lamentato Santucci -, ma con un accordo tra gentiluomini prima dell’inizio del consiglio. Quando i capigruppo si sono riuniti viso a viso e hanno trovato l’intesa: si vota all’unanimità, pur con dei distinguo, e a patto che questa eccezione non diventi prassi, perché le commissioni servono proprio per discutere e preparare il terreno agli argomenti che poi passeranno dalle forche caudine della sala consigliare. Quindi, una mezzz’oretta di riunione informale dei capigruppo, che sostituisce la commissione (e che dunque farà risparmiare al Comune i gettoni di presenza, per un totale di mille euro, come noterà poi il genovese Moricoli).

La mezz’ora diventa un’ora precisa, quando si comincia, ma gli argomenti slittano, si accavallano, si rimpallano. E quando verrebbe il momento di parlare di Gigi Proietti, il sindaco non c’è, perché è sceso a salutare i militari in piazza del Plebiscito per una cerimonia.Il consiglio decide di ammazzare il tempo anticipando l’ordine del giorno sull’antenna a Grotte Santo Stefano, e passano altre mezz’ore, altri scazzi, altri teatrini. Poi, finalmente, ci siamo. Michelini introduce: “Non è un atto politico, ma di tutti. Come viterbesi, dobbiamo essere onorati di dare la cittadinanza onoraria a Gigi Proietti, così come ne sarà sicuramente onorato lui di questa cerimonia prevista per lunedì, al teatro Genio, nella giornata viterbese del Roma fiction fest”.
Ubertini parla per Forza Italia (il nuovo gruppo in sostituzione del Pdl che si è costituito ieri): “A parte il disguido formale che ha generato questo provvedimento, siamo assolutamente favorevoli. L’unica cosa irrituale è che venga consegnato fuori da palazzo dei Priori, dalla sede istituzionale. Chiediamo che il sindaco faccia un tentativo in extremis per riuscire a portare qui Proietti, lunedì, così da consegnargli il riconoscimento nella sede che glielo conferisce”.
La stessa cosa chiede Santucci: “Altrimenti si tratterebbe di un’onorifcenza in contumacia. Noi la diamo e altri la consegnano”. E Buzzi (Fratelli d’Italia), rilancia: “Dopo tutto il ritorno d’immagine che la fiction ha dato alla nostra città, consegnare la cittadinanza qui, in in sala Regia o in quella dei Priori, sarebbe un ulteriore sport per Viterbo”. Michelini promette che ci proverà, ma i tempi sono strettissimi, la giornata già organizzata, e insomma sembra davvero difficile che il maresciallo possa fare un salto in Comune, prima o dopo l’incontro al Genio.
Si vota tutti d’un sentimento, per una volta, ma prima la consigliera del Pd Augusta Boco – di solito impegnata in polemiche grottosantostefane – spara l’idea geniale: “Propongo di nominare Gigi Proietti direttore artistico del teatro dell’Unione, quando riaprirà”. Un colpo di teatro, insomma, e speriamo che Gigi campi abbastanza per avere quest’altra onorificenza dai suoi amati viterbesi. Perché di riaprire l’Unione, per il momento, non se ne parla proprio.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

21   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Anche con il Maresciallo Rocca il sindaco tentenna Michelini ha rischiato l’ennesima figura di cacca.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da