19102017Headline:

A Belcolle la rivoluzione delle coronarie

Luigi Sommariva

Luigi Sommariva

Nei giorni scorsi, presso l’unità operativa di Cardiologia, Emodinamica e Utic dell’ospedale Belcolle, diretta da Luigi Sommariva, si è proceduto all’impianto di un dispositivo coronarico interamente riassorbibile. Il fatto costituisce per Viterbo, così come per il Lazio, una importante tappa nel trattamento della malattia aterosclerotica coronarica. Il reparto viterbese, infatti, condivide il primato dell’impianto con altri 5 centri sui 28 presenti nell’intera regione Lazio. Il dispositivo giunge in Italia, ovviamente, dopo aver acquisito tutte le credenziali scientifiche sperimentali di efficacia e sicurezza su 19 mila pazienti in tutto il mondo nel corso degli ultimi 2 anni.

“La novità di estrema importanza – spiega Luigi Sommariva – è rappresentata dal fatto che i nuovi dispositivi dopo 2 anni dall’impianto non lasceranno più traccia della loro presenza, diversamente dai dispositivi di utilizzo corrente, che una volta impiantati restano a vita all’interno delle coronarie. Questo comporta, da un lato, un minor rischio di recidive o di altre complicanze e, dall’altro, nei casi con minore fortuna, la non preclusione a nuovi tentativi di rivascolarizzazione anche di tipo chirurgico”.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

15   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    A Belcolle tutto va bene, madama l’onorevola Peppe Bucìa!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da