19102017Headline:

Ai Quartieri dell’Arte arriva “Lo sfascio”

castQuartieri dell’Arte: il prossimo appuntamento è all’auditorium dell’Unitus a Santa Maria in Gradi con l’attesissimo ‘Lo Sfascio’ di Gianni Clementi. Arrivano due nomi molto amati dal grande pubblico: Nicolas Vaporidis e Augusto Fornari. Primo Reggiani, annunciato nel cast, non sarà purtroppo presente perché ha deciso di uscire dalla produzione dopo la recente scomparsa del padre. Grande attesa dunque per l’arrivo di questo spettacolo, in cartellone per questa sera alle 21. La regia è affidata a Gianni Clementi e Saverio Di Biagio, produzione Nutrimenti Terrestri-Mind Production.

Siamo negli anni ’70, in piena strategia terrorista. Fosco, 40enne titolare di uno sfasciacarrozze (lo sfascio) e con precedenti penali alle spalle, è un amante della bella vita e non perde occasione per tradire sua moglie Katia, in avventure occasionali. E’ anche  un giocatore incallito di carte e, insieme all’amico poliziotto Ugo, assiduo frequentatore di bische clandestine. Manlio, 25enne fratello di Fosco e afflitto da un serio handicap mentale, lavora allo sfascio ed è immerso nel suo mondo, composto disordinatamente da immagini di calendari sexy, gomme da masticare e giochi infantili. Frequentatore abituale dello sfascio è Luciano, detto Diecilire, un piccolo truffatore costantemente in cerca di soldi. Una grave perdita al gioco vede vittima Ugo il poliziotto, il quale decide di compiere una rapina e obbliga Fosco a rendersi suo complice. Anche Diecilire partecipa alla rapina, in qualità di autista. La rapina a una gioielleria si conclude con successo, ma come spesso accade una fortuita coincidenza spariglia le carte in tavola.

Lo sfascio è un titolo non casuale, avendo in sé la doppia valenza di luogo di rottamazione fisica ma soprattutto morale.  Un po’ quello che è successo nel nostro meraviglioso Paese. Il successo facile, il degrado morale, la corruzione, la volgarità, il ritorno al cliché della donna oggetto. Questi sono stati i modelli di comportamento che negli anni  hanno mutato geneticamente i nostri cervelli. Fortunatamente ci sarà sempre il lamento di un bambino appena nato  a donarci una speranza.

Per i biglietti è possibile rivolgersi presso Underground (via della Palazzina, Viterbo), Promo Tuscia (via Ascenzi, Viterbo) oppure è possibile prenotarli scrivendo all’indirizzo email: ufficiostampaquartieridellarte@gmail.com

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Quando la cultura (fortunatamente) non è solo e soltanto la nauseabonda kaffeina. Un plauso a Gian Maria Cervo e ai suoi collaboratori.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da