21092017Headline:

Dall’intervento alla testa, alla rinascita, ai gol

L'esultanza dei gialloblu a Canino dopo il gol di Cerone

L’esultanza dei gialloblu a Canino dopo il gol di Cerone

Sei gol in sei partite di campionato, come un Cristiano Ronaldo, ma con molto meno gel sulla cabeza. Il tiro forte e preciso, micidiale. La freddezza sui piazzati, che siano rigori o punizioni. La corsa a testa alta, con la palla tra i piedi che non sguilla mai. Oggi Federico Cerone è una colonna del tempio gialloblu costruito dal direttore sportivo Angelucci seguendo le direttive – e il budget – della famiglia Camilli. E anche ieri, sul campo di Ladispoli, in un 3-3 di polvere e salsedine (primo pareggio dopo cinque vittorie in cinque gare per la Viterbese), Cerone ha fatto il suo: doppietta, uno su rigore, e tante buone giocate. Ma c’è stato un momento, quando l’inverno lombardo mozzicava e la categoria era la serie C, in cui Federico ha rischiato di rimanere invischiato in un pozzo nero. Con la carriera a rischio e chissà quali altri sciagure. Un passato che adesso sembra lontano, una vittoria che vale per sempre.
E’ la notte tra venerdì 25 e sabato 26 gennaio. Mantova, città umida di lago e di golene, di palazzi rinascimentali e tortelli con la zucca, del grande Virgilio e dell’intrepido Nuvolari. Cerone è a casa, dorme. Ma c’è qualcosa che non va, non sta bene, va in ospedale. I medici lo visitano, ma non sono convinti: servono altri esami, che a Mantova non si possono fare, meglio andare a Brescia, dove ci sono neurochirurghi luminari. Il problema è alla testa, il problema è nella testa: un angioma, piccolo – dicono gli specialisti – ma sono sempre otto millimetri di vasi sanguigni aggrovigliati. Federico non è grave, non è in pericolo, ma bisogna operare. E l’operazione non sarà “straordinaria”, come assicurano i medici, ma delicata sì. Cerone va sotto i ferri l’ultimo giorno di gennaio: tre ore di intervento, poi in terapia intensiva,va tutto liscio come l’olio, e qualcuno già spera di rivederlo in campo prima della fine del campionato. E’ buffo, il calcio: Federico era un passo dal trasferimento al Treviso, in quegli ultimi giorni di mercato invernale, e invece adesso è in ospedale, operato, rincuorato dai tifosi manotavani, dai compagni di squadra, da tutti gli amici incontrati in una carriera passata in giro per l’Italia a rincorrere un pallone.
C’è Twitter, dove tutti gli chiedono cosa sia successo, come stia adesso, se è passata la nuttata. Lui, il 4 febbrario, tranquillizza tutti cinguettando: “Un grande spavento. Adesso per fortuna va tutto bene”. Sospiro di sollievo. L’8 febbrario Federico è addirittura allo stadio Martelli, a riabbracciare allenatore e compagni. Fa freddo, Federico indossa un cappello di lana, sorride. Trascorre un altro mese, s’intravede l’uscita dal tunnel dell’inverno, e il 15 marzo Cerone torna ad allenarsi dopo l’okay del medico virgiliano. “Spero di poter giocare il prima possibile”, confida. Il via libera definitivo dovranno darlo i medici di Brescia, in un ultimo consulto fissato per i primi di maggio. E il nulla osta arriva, giusto in tempo per la primavera, per l’amichevole in famiglia, con Cerone che gioca indossando un caschetto protettivo. E’ la prova generale: domenica è l’ultima giornata, a Mantova arrivano i romagnoli del Santaracangelo, e Federico ci spera. Entra nel secondo tempo, sull’1-1, ma a dieci minuti dalla fine si ricorda di come si faceva: la mette in mezzo morbida, e Bini di testa infila il gol della vittoria. Tutti al mare.
Oggi Cerone ha avuto il coraggio di ripartire ancora, più in basso, da Viterbo e dall’Eccellenza, dai campi in terra e dalle trasferte in borgata. Ha già segnato sei gol, con l’umiltà di chi sa mettersi in gioco. Pure da gente così, pronta a soffrire perché ha gioca sofferto e pronta a vincere perché ha già vinto, che si ricostruisce una storia. E non sarà un pareggio a Ladispoli a cambiare il destino della Viterbese, né tantomeno il destino dei suoi uomini coraggiosi. Coraggiosi come Federico Cerone.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da