24112017Headline:

“E il distretto ceramico grida vendetta”

Miranda Perinelli

Miranda Perinelli

Il Viterbese piange i lavoratori che furono. I numeri della crisi qui sono più pesanti rispetto alla media del resto del Paese. La disoccupazione è schizzata al 13%, mentre quella femminile sale al 15,7%. I giovani senza lavoro sono il 47%. A fine anno scadranno 2 mila cassa integrazioni in deroga e si spera nel rifinanziamento da parte della Regione. I pensionati no se la passano meglio: su 86mila assegni erogati dall’Inps, 57mila sono inferiori ai 512 euro mensili. Tutte queste cifre hanno ripercussioni sulla ricchezza dei cittadini: nel 2010, secondo l’Istat un viterbese guadagnava in media 27.100 euro, nel 2012 non ha raggiunto i 20mila.

“La situazione – spiega Miranda Perinelli, segretario della Cgil – è drammatica”. Lo è in tutta la provincia ma a Civita Castellana mostra il suo volto peggiore. “Nel 2008 – racconta – erano 5mila i posti di lavoro all’interno del distretto ceramico. Oggi i lavoratori rimasti sono appena 2.850, di cui il 50% in cassintegrazione”.

E qui emerge il nodo dell’area di crisi. Il riconoscimento su carta avvenne nel 2007. Poi, però, di conseguenze concrete non ce ne furono. “Nessuna agevolazione alle aziende locali – denuncia – è stata mai attivata. A Frosinone, nei giorni scorsi è stato siglato un accordo di programma che apre un credito agevolato di 40 milioni di euro da fondi europei, ovvero quelli del Por 2007/2013. Ho chiesto perché a Viterbo non si possa fare. Mi hanno risposto che senza il riconoscimento dello stato di crisi non si può. Ma invece quel riconoscimento c’è, anche se solo su carta”.

Quindi la Cgil punterà proprio su questo: “Che lo chiamino accordo si programma o in altro modo non interessa. Quello che conta – annuncia – è ottenere risposte concrete da parte della Regione e del Governo per l’unico distretto industriale del Lazio, ora in ginocchio. E’ vero che non ci sono soldi, ma sull’area di crisi nel caso di utilizzo dei fondi europei le domande di queste zone hanno la precedenza. Sarebbe un’operazione da affrontare subito”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da