23112017Headline:

Federlazio: contro la crisi, l’unione fa la forza

Giuseppe Crea (Federlazio)

Giuseppe Crea (Federlazio)

L’unione fa la forza. Soprattutto quando si è piccoli, e il mondo là fuori è in balia della crisi. Ecco che allora Federlazio lancia alle aziende un’idea: la Rete concreta. Cos’è? Una forma di aggregazione di imprese di tutti i settori merceologici. Lo scopo è quello di stimolare la capacità innovativa e la competitività , accanto a una razionalizzazione e riduzione dei costi di gestione, in un momento particolarmente delicato per l’economia del territorio. Il progetto sarà presentato lunedì alle 17 nella sede di via Sacchi 18, a Viterbo, alla presenza del direttore generale, Giovanni Quintieri.

“La Federlazio – spiega il direttore Giuseppe Crea – ha raccolto l’allarme e la preoccupazione di tanti piccoli e medi imprenditori che , da soli, nello scenario attuale, stentano a rimanere competitivi. Quello delle reti di imprese è un fenomeno in straordinaria espansione in tutto il Paese: segno evidente del notevole interesse e dell’apprezzamento che questo strumento suscita tra gli operatori.  Aprire nuovi spiragli per le nostre piccole e medie imprese significa, in primo luogo, investire sulla forza dell’imprenditoria locale che, malgrado la situazione particolarmente sfavorevole, crede nel rilancio e continua a promuovere prodotti e servizi di qualità”.

Attraverso Rete concreta vengono attivati rapporti di condivisione di conoscenze e competenze, tecniche di utilizzo degli impianti e della logistica, ampliamento della gamma di beni prodotti, strategie di ingresso in nuovi mercati, consentendo al Made in Italy di inserirsi e consolidarsi all’estero attraverso nuovi canali di business.

La presentazione del progetto consentirà di conoscere, nel dettaglio, tutte le straordinarie opportunità di rafforzamento competitivo offerte da questo contratto di rete –  già stipulato da alcune aziende associate alla Federlazio, ma a cui è sempre possibile aderire – che punta a fornire alle imprese interne ed esterne all’associazione, prodotti e servizi a un costo ottimizzato.

 

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

16   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Filippo Rossi da Trieste, sempre più avanti di tutti gli altri, lancia una rete per rimpinguare i conti correnti di kaffeina e suoi personali.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da