23092017Headline:

Con Renzi accordo impossibile, anzi probabile

Carlo Mancini

Carlo Mancini

Andrea Egidi va a Canossa? Potrebbe essere uno dei titoli possibili. Enrico Panunzi grande mediatore? Anche questo ci può stare. Beppe Fioroni asso pigliatutto? Non è del tutto inadeguato. Anzi.

Comunque la pensiate, sappiate che nel Pd viterbese, dopo lo schiaffo di Bagnaia (molto simile a quello che, nel 1303, ad Anagni colpì papa Bonifacio VIII), Andrea Egidi, segretario uscente e rientrante, è dovuto addivenire a più miti consigli. Anche se qualche suo aficionado s’è lasciato sfuggire che gli egidiani (o egidiesi?) a Viterbo le avrebbero pure prese, ma nel resto della Tuscia le avrebbero potute anche dare. Fatto è che in soccorso del giovin virgulto (ma mica più tanto) di sposettiana genesi è venuto Enrico Panunzi che, da esperto del settore, ha deciso di togliere al candidato segretario le castagne dal fuoco. E così, come spesso accade in questi casi, per il neonascendo circolo viterbese piddino sarebbe uscito fuori proprio da Canepina il nome che sta bene a tutti. Un giovane neofita della politica, tesserato da poco, che avrebbe ricevuto la benedizione urbi et orbi anche dal lider maximo Beppe Fioroni. E il giovane di belle speranze risponde al nome di Carlo Mancini. Messa così, per il povero Alessio Trani, candidato viterbese dei renziani a segretario provinciale, addio sogni di gloria. Raggiunto l’accordo su poltrone, poltroncine, sedie e strapuntini, vedrete che da oggi in avanti il partito marcerà unito come un sol uomo: saranno tutti d’un sentimento, come i Facchini di S. Rosa.

Andrea Egidi

Andrea Egidi

A proposito di renziani, ma soprattutto di Matteo Renzi, l’unica cosa che non s’è ancora capita (ma s’è intuita bene) è cosa farà Beppe/Peppe alle primarie dell’8 dicembre. E soprattutto come schiererà le sue truppe cammellate viterbesi. L’uomo, per il momento, si tiene molto abbottonato, da perfetto democristiano doc, ma che tra lui e il sindaco di Firenze il feeling proprio non ci sia è chiaro come il sole.

In un’intervista al sito Lettera43 dei giorni scorsi s’è lasciato sfuggire: “Il futuro del Pd si giocherà in buona parte da come ci comporteremo con il governo Letta. Per questo preferisco il lealista Gianni Cuperlo, che vuole fare solo il segretario e non aspira a palazzo Chigi, alla Penelope Renzi”. E quando l’intervistatore gli fa notare che lui e Renzi vengono dalla stessa famiglia politica e gli chiede: “Eppure il sindaco non le va proprio giù. Sarà mica perché vuole rottamarla?” lui replica senza esitazione: “Tutto mi preoccupa, tranne la rottamazione. Posso sempre tornare a insegnare alla Cattolica. Non vivo di politica e mi auguro che anche il futuro segretario del Pd non lo faccia” (nota a margine: che Fioroni non viva di politica è assodato, ma che ne possa fare a meno, per chi conosce a fondo l’uomo, ha dell’incredibile).

Beppe Fioroni e Matteo Renzi

Beppe Fioroni e Matteo Renzi

Fioroni le escogita tutte per rottamare (a modo suo) il buon Matteo, che vede in questi ultimi tempi molto spostato a sinistra. “Questa svolta socialdemocratica di Renzi – dice ancora Fioroni – è di comodo e non corrisponde allo spirito e alle ragioni per cui ho contribuito a fondare il Pd. Se Renzi dice ora di essere socialdemocratico sta dando lo sfratto a molti di noi”. Capito?

Insomma, Fioroni dice e non dice. O forse dice. Che se vincesse Renzi farà le valigie (o sarà costretto a farle?). Ma, visto che il centro-centro (quello di Casini e Monti, per intenderci) non è che in questo momento se la passi un gran bene e che i diversamente berlusconiani sono rimasti impantanati in mezzo al guado, lasciate che chi conosce bene Peppe/Beppe azzardi una previsione: alla fine l’accordo con Renzi lo farà. Oh, se lo farà.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

2   Commenti

  1. Luigi Tozzi scrive:

    Ma Carlo Mancini non si era candidato alle elezioni politiche di febbraio con la Lega Nord?? E che ci azzecca con il PD?

  2. Giorgio Molino scrive:

    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto, chi ha dato, ha dato, ha dato, scurdammoce o’ passato, simmo ‘e Veterbe, paisà!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da