25062018Headline:

Grazie alla Regione burocrazia più semplice

RENNA.MATTIAColdiretti Lazio saluta con grande soddisfazione la notizia relativa all’avvenuta approvazione, da parte della giunta Zingaretti, della delibera riguardante la  semplificazione amministrativa. Al plauso della sede regionale si aggiunge anche quello della sede della Tuscia che tramite il presidente, Mauro Pacifici, ed il direttore, Andrea Renna, ha voluto evidenziare l’importante attenzione che l’assessorato agricoltura regionale ha riservato alle tematiche che anche a nel capoluogo viterbese Coldiretti aveva messo in risalto chiedendo risposte definitive.

“Rendere più snelli i procedimenti burocratici in agricoltura – hanno detto David Granieri ed Aldo Mattia, presidente e direttore della Coldiretti del Lazio – rappresenta una priorità per la nostra organizzazione. Il tema dell’abbreviare i tempi delle procedure amministrative connesse all’esercizio dell’attività agricola si coniuga alla perfezione con il nostro modo di tradurre il buon operare in agricoltura, divenendo fattore competitivo per le aziende agricole del territorio. Solo così – aggiungono i dirigenti di Coldiretti – si può arginare il problema relativo alla perdita anche di 100 giorni l’anno nel disbrigo di pratiche amministrative da parte degli imprenditori agricoli. Le risposte che sono arrivate dall’assessore alle politiche agricole della Regione Lazio, Sonia Ricci – hanno detto ancora Mattia e Granieri – rappresentano un segnale importante per un’effettiva semplificazione burocratica in un’ottica di sussidiarietà che avevamo auspicato”. Grazie al provvedimento approvato dalla giunta Zingaretti ci potrà essere un’attribuzione di un ruolo ancora più incisivo dei Centri di Assistenza Agricola.

“Grazie a questo impegno – hanno aggiunto Granieri e Mattia – la certificazione della qualifica di IAP (imprenditore agricolo professionale), e di CD (coltivatore diretto); l’abilitazione all’esercizio dell’attività agrituristica; l’autorizzazione per gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili e la verifica delle domande per i bandi legati ad alcune misure del PSR, programma di sviluppo rurale, che prevedano la procedura d’istruttoria automatizzata, potranno essere seguiti in modo diretto dai nostri Centri di assistenza. Altro fattore strategico di novità è l’introduzione del limite di 30 giorni dalla presentazione delle domande istruite dai CAA presso l’amministrazione competente, scaduto il quale scatta il silenzio assenso (60 giorni per i bandi del PSR). “Una novità che consente di snellire  l’iter burocratico e permette il veloce completamento delle pratiche – hanno concluso i vertici di Coldiretti Lazio”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    E il coldiretto per diletto Paolo Simoni, ovvero la testa più lucida di Palazzo dei Priori, che dice?

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da